Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 20 luglio 2015

Stromboli, che energia (pulita) ! Successo del festival di Teatro Eco Logico

"Non dirmi che hai paura": la storia di Samia, ragazza di Mogadiscio con la corsa nel sangue, che ha lasciato la sua patria per raggiungere l'Italia in un viaggio di 8000 Km, ha riecheggiato per l'Isola di Stromboli, dove terra, fuoco, vento e mare si fondono e diventano tutt'uno con la voce viva del vulcano.
A dare vita alla storia di questa donna, un'altra voce di donna, quella di Isabella Ragonese, che ha partecipato alla seconda edizione della Festa di Teatro Eco Logico dell'isola, intitolato "Strangers in the Night", con una emozionante lettura alla Libreria tratta dal libro di Giuseppe Catazzella, intitolato appunto "Non dirmi che hai paura", del quale audiolibro edito da Feltrinelli l'attrice siciliana è la voce narrante.
La Ragonese ha letto e raccontato senza microfono o amplificazione, e questa, per il festival, non è una novità: l'evento, unico nel suo genere, propone infatti al pubblico spettacoli di teatro, musica e danza senza l'ausilio della corrente elettrica, scelta nata dal desiderio di aprire uno spazio di relazione fra artisti e pubblico in cui siano l'essere umano, la sua voce e il suo corpo i veri protagonisti della scena, senza filtri o effetti artificiali.
In particolare il festival, dal 12 al 19 luglio, ha offerto al pubblico otto giorni di performance dal vivo e a ingresso libero, illuminate dal sole o dal fuoco, con decine di artisti da tutto il mondo. "Una manifestazione geniale", secondo la Ragonese, che spiega: "Il teatro nasce in Grecia, naturalmente senza luce elettrica e senza microfono, e il legame tra Grecia e Sicilia nel campo teatrale è ben noto. È quindi bene che si porti alle sue origini il teatro greco e la Sicilia è proprio il posto ideale dove farlo. Inizialmente, l'idea di non usare il microfono o alcuna forma di amplificazione mi spaventava, poi invece proprio questo si è rivelato basilare e mi ha dato modo di esprimermi in un modo che non avrei potuto sperimentare altrove".
Insomma, un'intensa esperienza di confronto fra arte e natura per una II edizione intitolata "Strangers in the night" e incentrata appunto sulla figura dello straniero, l'estraneo, il profugo, e sui temi dell'appartenenza a un luogo, a una cultura, a una lingua, e della proprietà, con una profonda riflessione su quel che accade dentro di noi quando diciamo "è mio".
Fin dal titolo la manifestazione ha voluto ricordare un famoso straniero, l'italo-americano Frank Sinatra, nel centenario della sua nascita: il celeberrimo cantante incise una canzone dedicata a Stromboli, inizialmente concepita come colonna sonora dell'omonimo film di Rossellini e alla protagonista del film, la profuga Karen, è stata dedicata un'Ode a Karen il 15 luglio dall'artista svedese Marie Ohrn. Performance che è stata anche un omaggio a un'altra famosa straniera che avrebbe compiuto 100 anni quest'anno: Ingrid Bergman.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.