Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 23 marzo 2017

Delfini una presunta minaccia per i pescatori, Enpa: tecnica di marketing politico ben nota, pronti a denunce in caso di uccisioni di animali

 «Accusare i delfini di impoverimento della vita marina, nel caso in questione il tratto di mare compreso tra le isole Eolie, non è solo fuori luogo; è semplicemente assurdo».
Lo dichiara l'Ente Nazionale Protezione Animale commentando un articolo di Repubblica in merito ad una presunta “competizione” tra cetacei e pescatori.
Secondo l'associazione, infatti, quella di far ricadere su altri esseri viventi la responsabilità per i danni alla biodiversità è una ben nota tecnica di “marketing” politico cui si ricorre – si veda ad esempio il caso lupo - per sviare l'attenzione dell'opinione pubblica dalle vere cause di una crisi e per ottenere un qualche vantaggio a favore di determinate categorie di interessi.
«Se nei nostri mari c'è sempre meno vita – prosegue l'Enpa - la colpa non è delle stenelle, né dei calamari, e neanche delle rane pescatrici o dei polpi. Anche perché, e questo i pescatori dovrebbero saperlo bene, la natura è in grado di autoregolarsi e di mantenere o ripristinare condizioni di equilibrio tra le specie. Se ciò non accade è solo colpa dell'uomo: della pesca che sfrutta il mare fino all'inverosimile; dell'inquinamento, che è causa di morte per migliaia di animali; dei cambiamenti climatici che hanno stravolto ritmi naturali millenari; del traffico delle imbarcazioni, commerciali e da da diporto, che disturbano la fauna marina». Ignorare queste cause non è soltanto “ideologico”, è anche pericoloso perché alimenta un allarmismo privo di riscontri e contribuisce a fomentare un clima d'odio, che ricorda molto la “caccia all'untore” e che rischia di incendiare gli animali. Quando si lanciano campagne del genere la possibilità che qualcuno sia tentato dal ricorrere alle vie di fatto c'è ed è molto concreta.
Per questo, Enpa già da ora avverte che in caso di uccisioni o di maltrattamenti ai danni dei delfini, o di qualsiasi altro animale, attiverà il proprio ufficio legale per individuare e punire i responsabili di tali reati.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.