Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 15 aprile 2018

L'editoriale di Salvatore Sarpi. Trentacinque eoliani non sbarcano a Lipari ma, per favore, non prendiamocela con comandante ed equipaggio!

Come già scritto e documentato ieri sera, il fatto più rilevante della sciroccata che ha interessato le Eolie si è verificato nella tarda serata quando l’aliscafo, partito da Milazzo alle 19 e 15, dopo aver fatto scalo, tra non poche difficoltà, a Vulcano, non è riuscito ad approdare a Lipari. 
Il vento ed il mare in tempesta, anche in ambito portuale, hanno vanificato i tentativi di approdare posti in essere dal comandante del mezzo veloce.
I trentacinque passeggeri, tra i quali due in non perfette condizioni di salute, che dovevano sbarcare a Lipari, sono stati riportati a Milazzo tra non poche proteste. Sin qui la cronaca...il punto di quanto accaduto
Piaccia o non piaccia questo direttore è abituato a dire la propria ed anche in questo caso non si tira indietro
Tra ieri sera e stamane ne abbiamo sentito tante, ivi comprese le rimostranze per il fatto che l'aliscafo è partito da Milazzo, pur sapendo delle difficoltà ad operare a Lipari. Nulla di nuovo sotto il sole, sempre rimostranze sarebbero state se si decideva di non partire
A nostro modesto avviso, al di là della giusta rabbia del momento, comprensibile da parte di chi giunge a due passi da casa e non riesce a farvi ritorno, non è certo il comandante dell’aliscafo a doversi rimproverare qualcosa...tutt'altro. 
Piuttosto bisognerebbe chiedersi come mai, nel 2018, nella principale isola delle Eolie non vi sia una portualità efficiente e come lo scalo alternativo del porto rifugio di Pignataro, che sabato sera sarebbe tornato utile per evitare il calvario dei 35 passeggeri, non venga adeguato, una volta per tutte, per fare fronte a situazioni similari. 
Quella struttura, infatti, è in parte inagibile e solo una parte di esso viene utilizzato da un aliscafo per la sosta notturna e non per l’imbarco e sbarco di passeggeri.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.