Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 30 agosto 2014

Filicudi. Al via i lavori per il posizionamento delle strutture per il pontile galleggiante. Le considerazioni delle associazioni


Eccoli sono arrivati a violentare il mare cristallino di una delle baie più belle del mondo a Filicudi , isola delle Eolie , patrimonio dell'Umanità. 

C'é un'isola nell'Isola che si chiama Filicudi. Uno scoglio tra un pugno di rocce vulcaniche, sul mare blu profondo: le Isole Eolie, patrimonio dell'Umanità (UNESCO). É un'oasi di mediterraneità opulenta e bellezza selvaggia, quasi intatta, di quelle che il mondo ci invidia, di quelle per cui ci si sente fortunati d'essere italiani. In questa meraviglia, come in mille altre in giro per l'Italia, il massacro si compie in silenzio. 
L'isola  è anche un luogo  ricco di risorse naturali e archeologiche. L'amore degli abitanti e dei turisti che vi risiedono ha preservato l'isola nel corso degli anni da speculazioni selvagge, rendendola  un posto unico. 
Questo patrimonio rischia di disperdersi per la cecità della pubblica amministrazione e per l'interesse di pochi: realizzare un  pontile galleggiante lungo 80 metri con basamenti in calcestruzzo proprio in una delle più belle baie del mondo.
Oggi ci sono riusciti: il Sindaco Giorgianni ha perso, la sospensione del TAR di Catania  avvenuta appena tre giorni dopo la sua ordinanza di bloccare i lavori.
Ma ha perso l'Italia della bellezza, hanno perso i siciliani ancora una volta.
Sono arrivati di notte e stamani alle 6,30 del mattino con l'autorizzazione del comandante della capitaneria di porto di Lipari ,caleranno in mare grossi corpi morti di cemento che offenderanno le acque cristalline e violenteranno il mare.
Basta iniziare i lavori:vincere. 
Non importa se nell'ordinanza nell'art. 1 vieta nel raggio di 0,2 miglia di ancorare, navigare e sostare, vuol dire che  quasi tutta la baia e' interdetta.
Non importa se in questo spicchio di fine estate rimasta, con i turisti che vogliono godere dell'isola,i residenti attoniti, gli abitanti con la morte nel cuore, viene interdetta la spiaggia.
Non importa se  danneggeranno  i fondali distruggendo la poseidonia e la perdita anche di un solo metro lineare di prateria  porterà alla scomparsa di diversi metri della spiaggia antistante.
Non importa se il continuo movimento dei natanti e delle imbarcazioni ormeggiate al pontile metterà a rischio reperti archeologici di Capo Graziano.
Non importa se il  pontile impedirà la libera fruizione della spiaggia del Porto, l’unica baia dell’isola agevolmente fruibile per i turisti, le famiglie isolane,  i bambini e gli anziani.
Non importa , arrivano , spostano i frangiflutti , il mare e' loro proprietà .
Il progresso e' un pontile in più a mare ? A chi serve? A che serve in quella baia dove i turisti e gli abitanti vogliono continuare a fare i loro bagni e a prendere il sole in silenzio. 
Ecco: finalmente hanno calato un grosso blocco di cemento, un tassello per il rinnovo della loro autorizzazione. 
Comitato spontaneo abitanti e turisti di Filicudi 
Associazione Filicudia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.