Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 24 giugno 2008

Condotte d'acqua: Tar del Lazio accoglie ricorso

( Adnkronos)- La terza sezione del Tar Lazio, in udienza collegiale, ha accolto il ricorso della Societa' Italiana Condotte d'Acqua, annullando il provvedimento del Prefetto di Roma del 23 marzo scorso. Il Tar del Lazio ha annullato la decisione dell'Anas di revocare i contratti in essere con la Societa' italiana per le Condotte d'acqua accogliendo i ricorsi presentati dal gruppo romano contro l'informativa antimafia della prefettura di Roma, che aveva indotto l'Anas a revocare alla societa' appalti per 250 mln euro. Il Tar del Lazio ha accolto la tesi dei legali di Condotte, Piero D'Amelio, Leopoldo de Medici e Luca Marafioti, i quali hanno sostenuto che il provvedimento prefettizio fosse viziato da un'evidente mancanza di istruttoria e di motivazione. Inoltre, i legali sostenevano che il provvedimento non avesse le necessarie caratteristiche di attualita' e adeguatezza alla realta'. In seguito a questa decisione, i giudici amministrativi hanno disposto il non luogo a procedere su un secondo ricorso di Condotte, che chiedeva la cancellazione dal casellario informatico delle imprese dell'informativa antimafia, e altre simili richieste presentate da circa 400 dipendenti della societa' romana.