Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 12 febbraio 2011

Sicilia/Cascio: serve un governo di unità regionale

«Un governo di unità regionale» che vada «al di là degli schieramenti», con un'agenda fatta da «poche ma precise priorità», prima fra tutte «la spesa dei fondi europei». È la proposta che lancia il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Francesco Cascio (Pdl), dopo l'incontro che ha avuto ieri a Roma con il premier Silvio Berlusconi che lo ha ricevuto assieme al ministro della Giustizia, Angelino Alfano.
L'analisi di Cascio parte dalla situazione in cui si trova l'Assemblea regionale. «Il Parlamento è fermo dal 29 dicembre quando è stato approvato l'esercizio provvisorio. Fino ad allora avevamo approvato 70 leggi, eravamo stati bravi a lasciare fuori dall'Ars i dissidi di partito. Da tre mesi non riusciamo ad approvare una legge, c'è un clima pesante. Da un lato un'opposizione ferma, dall'altro una maggioranza non abbastanza coesa. E il governo è fermo da un pezzo, come sostengono imprenditori e sindacati». Quello che è accaduto nelle ultime sedute è sintomatico. «All'ordine del giorno ci sono diversi disegni di legge governativi, come quelli sul commercio e sulla semplificazione amministrativa. Eppure, il governo o ne chiede all'improvviso il ritiro, oppure non si presenta in aula facendo in modo che i lavori slittino. Quello che arriva alla gente, però, è che l'Ars non fa nulla». Per uscire dall'impasse, Cascio suggerisce: «Affrontiamo i ddl su commercio, semplificazione amministrativa e poi passiamo subito a bilancio e finanziaria. Fatto questo percorso da qui a marzo bisognerà ragionare su questioni essenziali, penso a una sorta di governo di tutti per realizzare gli interventi che servono alla Sicilia».

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.