Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 15 giugno 2013

"Nonostante tutto c'è ancora speranza" (di Angelo Natoli)

Di pomeriggio, sorseggiare un caffè al Chitarra Bar, proprio ad un metro dal mare. Di fronte la Chiesa del Purgatorio, accanto la salita San Giuseppe, la piazza di Marina Corta, sullo sfondo il Castello, più avanti la baia di Lipari e il Monte Rosa: cosa ci si può aspettare di più? Eppure c'è ancora qualcosa in più.
L'odore del caffè si confonde con il profumo che viene dal mare. Un aroma prima leggero, poi più intenso, sino a diventare acre. Dapprima sembra l'odore del pesce appena pescato, poi di quello appena pulito, infine dello stocco essiccato. Sale dal mare, e salendo acquista sfumature sempre più intense, così forti da stordire i sensi. Un'occhiata verso via Roma, l'antica via dei bottai, ed ecco un rigagnolo dai riflessi scuri e fangosi fare capolino da un tombino. Lo zampillo striscia da destra a sinistra, poi finalmente trova la sua strada e si tuffa verso il mare. I passanti lo guadano intingendoci le infradito, portandosi via per sempre  il ricordo di quel momento.
Intanto, dalla salita San Giuseppe, un altro filo d'acqua corre verso la via Roma attraversando l'entrata del bar. Qualcuno dice che è una palla che perde, intendendo con questo una cisterna stracolma che riversa sulla strada. L'incrocio dei due corsi d'acqua è suggestivo, tanto da commuovere il titolare del bar, definitivamente vinto da quello spettacolo.
Poi, tutto ad un tratto, un rombo. Un motorino passa tra i tavoli e le piante, sfiora la cameriera con in mano il suo vassoio, quasi urta il cartello che suggerisce gelati dai vari gusti, granite e frullati, risale verso la chiesa per infine infilarsi dentro un vicolo. Due turisti seduti ad un tavolo nemmeno lo notano, guardano rapiti il panorama che si offre di fronte a loro; gli occhi socchiusi, la mascella semi aperta come quella di Teresina nell'attimo dell'estasi, non riescono a distogliere lo sguardo dalla Chiesa del Purgatorio. In fondo, questo è ancora il posto più bello del mondo.
Dei ragazzini avvistano un polpo, lo inseguono, lo circondano ed infine lo catturano portandolo a riva. Mostrano fieri la loro preda che agita disperata i tentacoli lottando per un'impossibile fuga. Uno dei ragazzini osserva che il polpo è ancora troppo piccolo, così lo rimettono in mare.

Nonostante tutto, c'è ancora speranza.
Angelo Natoli

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.