Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 11 giugno 2016

Condannato a 2 anni e 4 mesi il marocchino che tentò violenza su una ragazza di Lipari

E' stato condannato a 2 anni e 4 mesi Marzak Amine, il 25enne marocchino arrestato dai Carabinieri a Lipari lo scorso 13 marzo per tentata violenza sessuale ai danni di una 24enne di Lipari.
La ragazza, figlia di un noto professionista dell'isola, ha reagito mettendo in fuga l'aggressore che poi venne individuato ed arrestato in una abitazione limitrofa alla via Roma.
Il giovane, su richiesta del suo legale, è stato giudicato con il rito abbreviato, ottenendo, di conseguenza, uno sconto della pena. L'accusa aveva chiesto per lui una condanna molto più severa : 6 anni e 8 mesi di reclusione.
Nella foto d'archivio: gli amici della ragazza davanti alla casa dove si era rifugiato il marocchino dopo il tentativo di violenza.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.