Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 18 maggio 2008

Alicudi: Morte di una turista. A giudizio sindaco e dirigente comunale

(gazzetta del sud) Il sostituto procuratore Francesco Massara ha chiesto il rinvio a giudizio del sindaco di Lipari, Mariano Bruno e del dirigente comunale del settore tutela del territorio Biagio De Vita, con l'ipotesi di omicidio colposo in concorso per la morte di una turista palermitana precipitata la sera del 24 agosto del 2005 in un burrone a causa della mancanza di barriere protettive lungo la scalinata che collega il porto della più piccola delle Eolie alle abitazioni dell'isola di Alicudi. Il sindaco Bruno e il dirigente comunale Biagio De Vita che saranno giudicati dal Gup del tribunale di Barcellona Marisa Salvo nell'udienza preliminare del prossimo 18 settembre, sono accusati «nelle rispettive qualità, di "imprudenza, imperizia e negligenza" per avere cagionato la morte di Alessandra Vitrano di Palermo».
Si contesta loro «di aver omesso di dotare di pubblica illuminazione e di idonei parapetti e protezioni laterali» la scalinata che in località Vallone collega il porto dell'isola di Alicudi alle sovrastanti abitazioni.
La vittima, una donna di Palermo in vacanza sull'isola coi familiari, la sera della disgrazia percorrendo la scalinata, sostiene la Procura, «proprio a causa della mancanza di illuminazione inciampava nei gradini e perdendo l'equilibrio, non essendoci protezioni laterali, precipitava nel sottostante burrone e a causa delle ferite riportate decedeva per arresto cardiocircolatorio». Per il magistrato inquirente la morte della donna sarebbe da imputare al comportamento degli indagati «in quanto la presenza della dovuta illuminazione, dei parapetti e delle protezioni laterali avrebbe evitato l'evento». Nella ricostruzione della vicenda gli inquirenti hanno rilevato – così come recita il capo d'imputazione contestato ai due indagati – che la scalinata, larga 2 metri e 50, in assenza di illuminazione e barriere protettive, presenta insidie – specialmente per i turisti – a causa di sconnessioni nei gradini che causano la perdita di equilibrio e possono determinare cadute nel burrone sottostante. Bruno è difeso dall'avv. Fabrizio Formica; De Vita dall'avv. Saro Venuto.