Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 25 novembre 2008

Anche per Vulcano misure di tutela archeologica

(Peppe Paino) «Assessorato regionale, Soprintendenza e Comune di Lipari, adottino urgentemente seri provvedimenti di tutela dei complessi tombali rupestri rivenuti negli anni 90 a Vulcano». Questo l'appello della prof. Anna Maria Schmidt, presidente del centro di documentazione e ricerca per la Sicilia Antica Paolo Orsi in occasione della presentazione, alla Biblioteca centrale della Regione Siciliana dei due volumi "Bibliografia generale delle Isole Eolie-Vulcano" (vol. I) e "Panarea e isolotti vicini" (vol.II) curati dal prof. Vittorio Giustolisi, con il patrocinio dell'Assessorato Regionale dei Bani Culturali. «Fino ad oggi, a Vulcano – evidenziano gli studiosi dello stesso centro Paolo Orsi – non esistono infrastrutture culturali di alcun tipo che possano servire come strumento di informazione e di segnalazione archeologica. L'ignoranza di tale aspetto ha favorito molti abusi da parte dei privati sul patrimonio archeologico, naturalistico e monumentale dell'isola, come è accaduto ad esempio nel Faraglione di Levante e al Piano dove sono state demolite parecchie strutture tombali». Che in tutta l'isola sono 130, con le relative zone indicate nel piano regolatore generale del Comune di Lipari.
Da qui, appunto, l'esigenza di porre con immediatezza dei vincoli per tutelare i suoi luoghi d'interesse archeologico. A tal proposito il prof. Giorgio Di Maria, docente di Filologia classica dell'Università di Palermo, ha evidenziato la verosimile corrispondenza geografica di Vulcano con la mitica Eolia di Omero oltre che con l'isola della Fiamma. A tale conclusione indurrebbero non solo gli aspetti orografici e vulcanici dell'isola ma anche le scoperte recentemente fatte dal prof. Vittorio Giustolisi del centro Orsi, il quale ha rimarcato «la segnalazione dopo 15 anni di silenzio nel Prg come aree archeologiche da rispettare e tutelare».
Non sono mancate le curiosità su Panarea. Le relazioni dei vulcanologi prof. Mario Pasquale Nuccio e del dott. Franco Italiano, hanno fornito preziose informazioni sulle emissioni gassose nei pressi di Lisca Bianca. Ciò confermerebbe la localizzazione dell'antica Heraclea, di cui Lisca Bianca, Bottaro, Lisca Nera e Dattilo, sarebbero le attuali cime emergenti sul livello marino.