Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 22 giugno 2009

Incendio a Pirrera- Culia- Canneto lato monte. Sarebbe stato individuato il soggetto dal cui terreno è partito il fuoco

Come da noi anticipato l'incendio di ieri è stato colposo e non doloso. Le indagini avviate nell'immediatezza e che hanno visto la collaborazione (sembrerebbe) di alcuni cittadini avrebbe già permesso di individuare sia l'area che da cui si è diramato l'incendio, sia il soggetto che incautamente (termine minimo) ha pensato bene di bruciare un qualcosa (si dice sterpaglie) nonostante il forte vento. Le indagini sono portate avanti dall'Arma dei carabinieri in collaborazione con le altre forze presenti sul territorio
Dovesse essere confermata la sua responsabilità corre il rischio di una pesante condanna oltre al risarcimento che sarà costretto a versare