Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 5 novembre 2013

Depuratore ed espropri. "Salviamo almeno l'onore" (di Aldo Natoli)

In una accorata omelia Mons. Gaetano Sardella ebbe a definire il Cimitero " la Citta dei dormienti". Dinanzi alle tragiche affermazioni del sig. Antonino Mirabito che viene spogliato del suo terreno che con tanto duro lavoro ha dissodato, zappato e piantumato, trasformandolo in un "eden" per garantirsi con la propria famiglia il diritto alla vita; dinanzi alla rassegnazione dell'Amministrazione Comunale e delle varie associazioni, ma soprattutto al silenzio della "Città dei vivi", ritengo che la "Città dei dormienti" non sia aldilà delle mura di "Faraci" ma al di qua.
Abbiamo lasciato in silenzio che ci togliessero il punto nascita ed il Tribunale, che ci imponessero la localizzazione del depuratore in un'area ritenuta non idonea da tutti noi abitanti con un progetto che lascia molti dubbi sul suo perfetto funzionamento, ma non possiamo restare indifferenti dinanzi ad un nostro concittadino che viene spogliato del suo diritto alla proprietà e del vivere in maniera dignitosa con il proprio lavoro, con atti di esproprio ritenuti da illustri avvocati non regolari.
Quindi svegliamoci! Che venga interessata subito l'Autorità Giudiziaria ed  il Prefetto! Che vengano chiamate a Lipari le "Jene" e la Gabanelli!
Probabilmente tutto nelle "stanze del potere" è stato già deciso. Ma almeno salviamo l'onore!

Aldo Natoli

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.