Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 22 gennaio 2009

Giacomantonio, le osservazioni sulla riunione romana del 20 gennaio

Comunicato stampa
Vorrei avanzare due osservazioni sull'incontro di Roma del 20 gennaio dei sindaci col Ministro dei trasporti e con i tecnici del ministero a proposito dei collegamenti marittimi delle isole.
La prima riguarda l'impegno del Ministro di recarsi a Bruxelles martedì prossimo per ottenere la proroga per il 2009 per la Tirrenia. Da una parte fa piacere apprendere che il Ministro finalmente si mobiliti in prima persona ed accetti di percorrere la strada di Bruxelles, dall'altra preoccupa non solo il ritardo con cui avviene questa iniziativa (quando si fece il decreto di proroga perchè non si consultò allora Bruxelles ?) ma anche il fatto che essa appare come un'azione tampone per guadagnare tempo prima di entrare nel merito della vertenza che dovrebbe essere la deroga per la Siremar scorporata dalla Tirrenia.
A questo proposito, mi si dice, che nell'incontro con i tecnici del Ministero ad una precisa domanda circa il motivo perchè la deroga per l'insularità si è potuta ottenere per Malta e per le isole greche e non per quelle italiane, un funzionario avrebbe risposto che questo è dipeso dagli accordi di associazione alla UE. Malta e la Grecia l'avrebbero previsto alla firma del trattato di entrata dell'Unione, cosa che non fu possibile per l'Italia entrata precedentemente. Se questa fosse stata la risposta direi che non è pertinente. Infatti se essa potrebbe valere per Malta che è entrata nell'Unione recentemente non può valere certo per la Grecia che nell'Unione c'è dal 1981. Il Trattato di Amsterdam che ha modificato il trattato della Comunità Europea è stato varato il 2 ottobre del 1997 ed entrato in vigore l'1 maggio del 1999. La norma riguardante l'insularità è addirittura posteriore ed è la Dichiarazione n. 30 che viene allegata al Trattato ed approvata dal Consiglio europeo di Nizza del dicembre 2000. Essa parte nel 1997 per iniziativa di diversi parlamentari fra cui il siciliano on. Viola, a Trattato già approvato e fu oggetto di molte discussioni e convegni. Io stesso fui chiamato al Parlamento Europeo di Bruxelles, il 20 gennaio 1998, come presidente dell'ANCIM Sicilia, per essere ascoltato sui problemi delle isole nell'ambito di queste discussioni. Quindi non è problema di chi nell'Unione Europea è entrato dopo e di chi è entrato prima. La verità è che dopo che la norma sull'insularità fu varata ci fu una disattenzione colpevole per applicarla all'Italia da parte del Governo nazionale, di quello regionale, dell'ANCIM e dei sindaci delle isole. Ancora nell'ottobre del 2000 io partecipai a Rodi, come presidente dell'ANCIM, ad un Convegno delle Camere di Commercio delle isole per la valorizzazione dell'insularità nell'ambito dell'Unione Europea. Poi che è stato fatto?