Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 31 maggio 2014

Area Marina Protetta delle isole Eolie: ennesimo convegno a perdere o punto di partenza per la sua reale istituzione?

COMUNICATO
Apparentemente, il convegno tenutosi ieri a Lipari si è limitato a rilanciare l’annoso e ricorrente tema dell’Area Marina Protetta delle Isole Eolie. Nei fatti, a mio modo di vedere, dichiara Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Eolie e isole minori Sicilia, ha messo il coltello nella piaga dell’incapacità pubblico-privata di pianificare la gestione dello sviluppo di queste isole. Ecco che diventa fondamentale prendere delle posizioni nette ed inequivocabili sulla gestione del sito UNESCO, sul Parco nazionale e sulla pianificazione turistica del nostro arcipelago, insiste Del Bono.
A quattro anni di distanza dall’ultimo convegno sulla costituenda AMP delle Eolie, al quale anche allora avevamo dato il nostro contributo, sui temi della gestione del territorio nulla è cambiato.
I convegni sono importanti – e va dato merito al PD e al suo segretario locale, Saverio Merlino, di essere stati nell’occasione i positivi promotori di questa importante iniziativa - ma adesso si passi alle fasi successive, dimostrando attraverso la presenza in giunta dell’assessore al ramo e del vicesindaco di voler andar sino in fondo, insiste Del Bono.
Il tema non è se vogliamo o meno un parco o un’area marina protetta o continuare ad essere inseriti nella World Heritage List. Il tema è: come possiamo sfruttare al meglio i preziosi strumenti di programmazione e gestione territoriale che ci vengono messi a disposizione? Siamo in grado di farlo? Oppure, vinti dalla paura, preferiamo continuare a non prendere decisioni nette e credibili rispetto al nostro futuro?
È del tutto evidente che gli strumenti in se non offrano alcuna garanzia di sviluppo – la mancata gestione del nostro sito UNESCO ne è l’emblema - ma che solo attraverso una gestione condivisa e competente degli strumenti potrà esserci uno sviluppo sostenibile dei nostri territori: unica strada per poter assicurare un decoroso futuro in loco alle generazioni future.
Il non decidere degli ultimi anni – complice la crisi economica e l’aver sfruttato i patti territoriali quasi esclusivamente per arricchire la dotazione di posti letto alle Eolie – ci ha cacciati in una pericolosa fase di stagnazione economica che rischia di essere il preludio di un inesorabile declino.
Non lasciamo che l’incapacità e la paura abbiano il sopravvento sul buon senso e sulla ricerca disinteressata delle competenze necessarie per utilizzare al meglio gli strumenti di gestione attivabili. Per un patrimonio come quello delle Isole Eolie non sarebbe perdonabile. Continuare a non riuscire a trasformare l’immenso patrimonio culturale e naturalistico di queste isole in risorse ed attrazioni turistiche in grado di creare valore e garantire uno sviluppo sostenibile per le popolazioni che le abitano sarebbe davvero diabolico, anche alla luce delle dichiarazioni del Sottosegretario Silvia Velo, presente ieri al convegno: esistono dei fondi già stanziati per il parco nazionale delle isole Eolie. Spetta alle amministrazioni locali avviare i tavoli di confronto per decidere che tipo di sviluppo vogliamo e come pensiamo di  poterne gestire i processi. Noi, come sempre, conclude Del Bono, siamo pronti a fare la nostra parte e a garantire il nostro contributo.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.