Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 29 aprile 2009

Ancora sul 25 Aprile di Saverio Merlino

Riceviamo e pubblichiamo:
Caro Piero,
Sai quanto ti stimo e quanto rispetto le opinioni altrui anche quando sono in dissenso con le mie opinioni.
Il mio intervento non voleva e non vuole essere di "buonismo", per dimenticare o per apparecchiare la tavola a qualcuno......anzi.
Che i partigiani e gli antifascisti sono morti per dare a noi la libertà di cui godiamo (speriamo per sempre) nessuno può e deve dimenticarlo.
Se hai letto attentamente la mia prima nota era questo il motivo che mi ha spinto a scrivere e a farmi "arrabbiare".
Non ho sopportato Il silenzio e il voler ignorare questi valori da parte di chi è chiamato a difenderli e onorarli.
La mia uguaglianza di festa si riferiva al riconoscimento da parti di tutti dei valori della democrazia, della libertà e della nostra Carta Costituzionale e il rispetto di chi ha perso la vita per difenderli.
Se altri, oggi, li riconoscono, per me è un risultato di democrazia, di quella democrazia per la quale i "partigiani e gli antifascisti" che noi onoriamo hanno combattuto e perso la vita.
Poi.........,da buon cattolico, solo senso di rispetto per tutti i morti.
E credimi.....anch'io sono antifascista ed eoliano vero e sicuramente non dell´ultima ora.
Con amicizia fraterna.
Saverio Merlino