Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 5 maggio 2009

Pirrera dimenticata....anche dalle Poste italiane di ANNA MIRACULA

(Anna Miracula) ...E Pirrera adesso viene dimentacata anche dal servizio postale. Noto con molto rammarico che ancora una volta e sempre di più la borgata di Pirrera è stata inserita nel gruppo " zone dimenticate" che sembrano far parte di quest'isola, ma che invece sono solo dei nomi sulla mappa.
Come dicevo già nel titolo, anche il servizio postale non considera Pirrera tra le zone da servire...forse il fatto è che non ci scrive più nessuno..non esistiamo!!!
Da più di una settimana e forse anche oltre (colpa dei ponti, carenza di personale alle Poste?) non riceviamo oppure riceviamo molto in ritardo la posta, con tutto ciò che ne consegue ovviamente, ritardi nei pagamenti conditi a volte anche da tagli di linee telefoniche e quant'altro si può immaginare...
Già ancor prima di quest'ultimo periodo, la borgata era servita poco più di due volte a settimana, neanche fossimo irraggiungibili.
E' proprio il caso di dire che vi sono figli e figliastri a questo mondo...e noi restiamo la pecora nera che più nera non si può..
Altro problema?? Le strade provinciali e comunali non più curate da moltissimo tempo, e temo che se non ci fossero continuamente le auto a transitarvi potremmo paragonarci ad una giungla con tanto di animali feroci.
Non crediamo davvero di chiedere la luna ma di poter ricevere i nostri diritti come tutti gli altri isolani, non credete?
Perchè le tasse le paghiamo anche quassù, in questo posto sperduto delle Ande Liparote.