Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 19 maggio 2011

Colta da malore attende l'ambulanza del 118, impegnata altrove, per 40 minuti. Prevedere un ulteriore mezzo è proprio impossibile? Ma è la sanità eoliana...sempre più ridotta ai minimi termini

Colta da malessere una studentessa eoliana del "Conti" di Lipari ha dovuto attendere ben quaranta minuti affinchè arrivasse l'ambulanza del 118 che poi l'ha trasferita all'ospedale. Il mezzo, così come anticipato al personale scolastico che ha lanciato la richiesta, era impegnato in un altro soccorso ed è sopraggiunto non appena possibile. Per fortuna non si è trattato di nulla di grave ma ciò è servito, ovviamente, a scatenare le proteste e a riaprire una "piaga" mai guarita e a fare porre quesiti che necessitano risposte e provvedimenti concreti. E' possibile che in un territorio come quello isolano, composto da diverse frazioni e da contrade, molte delle quali di difficile raggiungimento e percorrenza, debba esserci in funzione la sola ambulanza del 118 che, nonostante la buona volontà e la professionalità del personale, non può essere certamente contemporaneamente (come in questo caso) in più luoghi?
Eppure l'ospedale di Lipari è dotato di ambulanze ed autisti. Ma, come abbiamo avuto modo di apprendere, presumibilmente nel contesto dei tagli operati, l'operatività a livello di soccorso sarebbe limitata solo alle ore notturne. Ma è possibile tutto ciò? E' possibile che si metta a rischio la vita di residenti e turisti non prevedendo uscite d'emergenza anche nelle ore diurne, previo raccordo con il 118, in caso di impegno dell'ambulanza di quest'ultimo?
Forse...anzi senza forse.. è l'ulteriore anello debole di una sanità che a Lipari, nell'unico ospedale dell'arcipelago, è ridotta ai minimi termini e non tiene conto che nell'insularità i parametri in vigore altrove non possono trovare riscontro. Una situazione che si va ad incardinare insieme alle problematiche dell'ambulatorio ospedaliero di pediatria, che vede, tra l'altro, gli infermieri esperti del ramo e specializzati dislocati in altri reparti, dell'accorpamento di pediatria e ginecologia, all'impossibilità di nascere a Lipari se non in emergenza, al continuo ricorso, non certo per volontà dei sanitari eoliani ma per la mancanza di specifici servizi, agli elicotteri del 118. Trasferimenti sempre più frequenti con aggravio di costi per gli ammalati e i loro parenti costretti a spostarsi altrove e con un indubbio peso sulla spesa sanitaria. Con quanto costa un elicottero del 118 che si alza in volo per raggiungere le Eolie e tornare indietro (moltiplicato per centinaia di volte) siamo certi non si possa dotare il presidio eoliano (nel quale tra l'altro è in corso un notevole ampliamento dei locali) del personale medico e paramedico necessario e di strutture e servizi all'altezza della situazione? Forse si risparmierebbe pure! E mentre monta la protesta, la politica tace!

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.