Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 24 settembre 2011

Biviano - Subba. Nuovo capitolo del "confronto" tra il consigliere e il dirigente del comune di Lipari

Oggetto: Bilancio di Previsione anno 2011 e pluriennale 2011/2013.   
Riscontro l’ultima Sua nota sull’argomento, che ancora una volta leggo per mezzo degli organi di stampa piuttosto che per i canali tradizionali, ed evidenzio, seguendo lo stesso ordine numerico della Sua missiva, quanto segue:
 1)      chi nella corrispondenza deve moderare i toni certamente non è il sottoscritto…. le note sulla questione sono all’attenzione di tutti e possono essere opportunamente valutate dagli organi competenti;
 2)      nessun appunto su valutazioni diverse dalle mie, anche ritengo le stesse palesemente errate…., peccato però che analogo suggerimento non sia stato fornito ad altri organi che Le hanno trasmesso, per competenza, simili sollecitazioni;
 3)      se, come da lei evidenziato, i Suoi comportamenti variano a seconda che a scriverLe sia un politico o un funzionario penso si concretizzi una disparità di trattamento che peggiori la situazione piuttosto che risolverla;
 4)      esiste un reato, disciplinato dall’art. 658 del Codice penale italiano, che riporta all’oggetto: “Procurato allarme presso l’Autorità” e che testualmente recita: “chiunque, annunziando disastri, infortuni o pericoli inesistenti, suscita allarme presso l’autorità o presso enti o persone che esercitano un pubblico servizio, è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda da euro 10 a euro 516. L’istigazione a trasmettere atti ad autorità che non sono competenti e minacciare corresponsabilità in caso di mancato invio per me configura tale ed altri reati. Il  fatto che si ricorra alla Procura della Repubblica per questioni che non hanno alcuna rilevanza penale per me configura tale reato. Non capisco quali sono gli atti che dovrei consegnarLe affinché Lei li possa trasmettere ad altri organi (io ho già trasmesso quello che dovevo agli organi competenti) ma la S.S., nella qualità di consigliere comunale, ha diritto ad avere tutti gli atti che vuole (nel nostro settore penso abbia sempre trovato disponibilità oltre ogni ragionevole limite), e può anche decidere di farsi male da solo mandandoli a chi ritiene più opportuno.
 In conclusione devo constatare la Sua presa di coscienza che “le affermazioni devono trovare conferma nella giurisprudenza conosciuta” e mi complimento con Lei e chi la ha giuridicamente assistita per questa complicata “arrampicata sugli specchi”. Chiarisco, inoltre, che non intendo porre limiti all’azione di alcuno…. le azioni legali servono a provocare l’esercizio della giurisdizione da parte di un giudice che, in relazione a un conflitto di interessi tra le parti, è chiamato a stabilire quale di esse ha ragione……
 Non avrei esitato nei confronti di altri a promuovere immediata azione legale a tutela di ragioni di parte ma nel Suo caso devo valutare anche in virtù dei valori umani, morali e professionali che caratterizzano la Sua persona, che sono a me ben noti, e che, per quanto mi riguarda, non possono essere annullati da quello che definirei uno spiacevole ed isolato episodio.  

Il Dirigente
                                                                                                   (Dott. Francesco Subba)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.