Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 27 marzo 2012

ISOLE DI SICILIA: le isole minori siciliane puntano sullo sviluppo sostenibile delle zone di pesca.

Sempre più unite le isole minori siciliane nel condividere strumenti di programmazione basate sullo sviluppo sostenibile. Dopo il GAL (Gruppo di Azione Locale), recentemente finanziato nell’ambito dell’Asse 4 del PSR Sicilia 2007-2013, le isole minori siciliane puntano ora sulla costituzione di un nuovo organismo pubblico-privato, il GAC (Gruppo di Azione Costiera) che, finalizzato allo sviluppo sostenibile delle zone di pesca, raggruppa quasi tutti i Comuni delle isole minori, con la sola esclusione di Leni e di Lampedusa e Linosa. Comune, quest’ultimo, che posticiperà la propria adesione a causa delle recenti emergenze legate alla ripresa degli sbarchi di immigrati che ne hanno impedito la formalizzazione dei necessari atti deliberativi. 
Il Comune di Favignana, ente capofila, ha presentato un Piano per lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca delle isole minori siciliane elaborato in forma condivisa da un partenariato pubblico privato denominato GAC Isole di Sicilia a cui partecipano i diversi comuni delle isole minori (Lipari, Santa Marina Salina, Malfa, Favignana, Pantelleria, Ustica), importanti istituzioni scientifiche nel settore della pesca (ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, IREPA onlus), associazioni ambientaliste (Marevivo e Legambiente), le principali associazioni di rappresentanza del settore (Federcoopesca, Federpesca, AGCI Agrital, Lega Pesca, Anapi Pesca, Unicoop Pesca, Osservatorio Nazionale della Pesca), diversi operatori economici del settore ittico primario (cooperative di pescatori, COGEPA Isole Eolie, ecc.) e operatori di altri settori economici, sia in forma singola che associata (GAL Isole di Sicilia, Federalberghi Isole Minori della Sicilia, Distretto Turistico Isole Minori, ANFE Sicilia, ecc.).Il valore complessivo del PSL (Piano di Sviluppo Locale)  è pari a € 2.823.333,33 di cui € 740.000,00 saranno a carico di operatori privati ed il restante valore di € 2.083.333,33 sarà a carico, in caso di un suo auspicato finanziamento, dell’Asse 4 misura 4.1 del FEP Sicilia 2007-2013. Il PSL, più in particolare, prevede interventi in favore della diversificazione dei redditi degli operatori della pesca senza determinare, come previsto dal Reg. CE 1198/2006, un incremento dello sforzo di pesca (pescaturismo, ittiturismo, sviluppo di una rete di strutture di ristorazione a base di prodotti della pesca, ecc.), delle dotazioni strutturali (sistemazione dei principali luoghi di sbarco del pescato, investimenti in strutture per la lavorazione e trasformazione del pescato, ecc.) e della valorizzazione dell’ambiente, affrontando in particolar modo i conflitti esistenti tra le esigenze di tutela della “risorsa mare” e le esigenze economiche espresse dagli operatori della pesca.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.