Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 30 dicembre 2012

ARDIZZONE CI PROVA TAGLI ED EFFICIENZA NEL PALAZZO

Siamo allo start-up, ma le persiane sotto state alzate e la finestra è socchiusa. Potrebbe perfino capitare che si apra al mondo e le spesse mura del Palazzo che fu dei re, ne tragga beneficio. Finora si sono inchiodate anche le persiane, facendo credere che dall’esterno sarebbero venuti solo soffi maligni. Rimanere chiusi, quindi, avrebbe fatto bene alla salute. Anche al portafogli, s’intende; la qualcosa non guasta per nulla.
Il vento sta cambiando nei due Palazzi, D’Orleans e Normanni? Troppo presto per affermarlo, forse anche per fare previsioni, ma quel battage che sta intorno agli annunci e alle buone intenzioni difficilmente potrà essere gettato alle ortiche. Chi credesse che è possibile, sbaglierebbe clamorosamente: si cade in basso, rovinosamente con una spaventosa rapidità.
Fin qui la premessa. La notizia, ora: il Consiglio di Presidenza dell’Assemblea regionale, convocato dal Presidente, Giovanni Ardizzone, esamina il bilancio interno – 175 milioni di euro l’anno – e la riorganizzazione amministrativa. Il primo punto propone decisioni “estreme”: recepimento del Decreto Monti con l’aggancio di contributi, indennità e tutto il resto, alla Regione più virtuosa: tagli per quasi la metà delle erogazioni. Una strage per i portafogli. Siccome la Sicilia è una Regione a Statuto speciale, può esprimere il proprio punto di vista e farlo prevalere, ma se dissente e non recepisce, la Regione dà l’addio a parte delle risorse statali, con l’eccezione della sanità, dei trasporti e della scuola.
Il Presidente Ardizzone, appena eletto, è stato inequivocabile: intendere adottare le norme introdotte dal governo nazionale. Ma ci saranno resistenze, questo è sicuro.
Secondo punto all’ordine del giorno: riorganizzazione amministrativa. Un’espressione che potrebbe significare tutto e niente: un giro di valzer fra quattro dirigenti o una profonda, radicale riforma amministrativa che utilizzi al meglio le risorse umane del Palazzo, introduca strumenti di controllo dei costi, elimini sacche di privilegio, aumenti l’efficienza e valorizzi attitudini e competenze. Facile a dirsi, difficile a farsi. La burocrazia di Palazzo dei Normanni vive in simbiosi con la rappresentanza politica. Per quanto conservi una sua identità, ed in qualche misura la conserva, non può di sicuro ignorare volontà e tendenze della politica e dei suoi protagonisti.
Finora, tuttavia, la simbiosi non è stata subita dalla burocrazia, i cui consigli si sono rivelati sempre “preziosi”.  L’attività del personale, in larga misura qualificato, è stata terremotata dall’introduzione di varie indennità che hanno creato un esercito di capi e piccoli nuclei di “paria”. Grazie al parametro con il Senato, per molti versi. Stipendi lauti, grande disamore, conflittualità sotto traccia, carriere veloci, e “todos caballeros”.
A danno dell’efficienza, naturalmente. Non è un problema che interessa solo la burocrazia meglio pagata d’Italia, perché le buone leggi sono anche il risultato di una burocrazia competente, efficiente e motivata. L’efficienza e le motivazioni si ottengono attraverso una organizzazione del lavoro diligente, che privilegi la “mission”.
Il Presidente Ardizzone e il Consiglio di presidenza hanno scelto di affrontare i due nodi del Parlamento regionale: i costi della politica e l’efficacia dell’apparato “servente”. Le due questioni, tuttavia, non viaggiano ognuna per conto proprio. Basti tenere a mente che il taglio agli emolumenti dei deputati regionali avrebbe una conseguenza, che gli stipendi degli onorevoli siano inferiori a quelli dell’apparato servente. E’ un problema, non vi pare?
Si deve confidare nel buonsenso, dunque. Qualche segnale positivo va colto. L’ordine del giorno del Consiglio di Presidenza, per la prima volta da tempo immemorabile, è stato reso noto. Poca cosa? Per le abitudini del Palazzo è una rivoluzione.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.