Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 21 ottobre 2013

Lipari & illuminazione di Piazza Mazzini di Aldo Natoli

Ho sempre criticato i lavori di trasformazione di "Villa Mazzini", vanto delle passate Amminitrazioni Comunali e del giardiniere Pino Lo Schiavo, in Piazza Mazzini. Ma purtroppo sull'arte del conservare è prevalsa quella della trasformazione e della cementificazione, cosicchè un altro "pezzo" della nostra bella Lipari, della nostra storia, la possiamo rivivere  soltanto attraverso le vecchie cartoline. Il Monastero Benedettino, divenuto sede del Comune, la storica Chiesa di S.Antonio, il mitico ristorante "Filippino, che s'affacciavano su un variopinto e suggestivo giardino alberato, meta di tanti visitatori stanchi ed assolati, oggi è diventato un ammasso di pietra, avulsa da quella tipica locale, e di cemento. 
Un tempo dicevamo "saliamo al Comune", oggi dobbiamo dire "scendiamo al Comune"; la modifica delle quote ha infatti comportato il sorgere di scalini e scalinate, sicuramente comode per attendere l'apertura degli uffici comunali. 
In questi giorni, anche se il cantiere è in piena attività, sono stati collocati i corpi illuminanti, tipo ghisa, con relativi lampioni. Non entro nel merito della loro "bellezza" dal momento che il giudizio è soggettivo, ma sulla scelta di non proseguire l'illuminazione con la stessa tipologia dei lampioni collocati nel centro storico dell'isola, ed in particolare in via Garibaldi, via XXIV Maggio,strade di accesso alla Piazza, e perchè nò, in piazza Marina Corta. 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.