Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 6 novembre 2014

BENI CULTURALI: LISTA MUSUMECI, UN DDL PER LA FRUIZIONE ISTITUISCE OSSERVATORIO PERMANENTE

Un disegno di legge che istituisce in Sicilia un Osservatorio Permanente sul patrimonio culturale. E' stato presentato all'Ars dai deputati di Lista Musumeci - Gino Ioppolo (primo firmatario) Nello Musumeci, Santi Formica. Il ddl va a colmare l'attuale vulnus normativo nella gestione dei beni culturali, intervenendo sulla catalogazione dei beni artistici, archeologici e monumentali e sul loro stato di conservazione. Prevede un censimento di tutte le sedi museali pubbliche e private, la dettagliata descrizione delle piante organiche e la creazione di un elenco di beni artistici che necessitano di restauro, secondo una scala di priorità e di intervento finanziario. 

"Siamo l’Arabia Saudita dei beni artistici ma non sappiamo quantificarne i “giacimenti” scrivono i parlamentari nella relazione al ddl. 
"Le ultime stime del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (MiBAC) indicano che nell’ultimo secolo sono stati sottoposti ad apposito vincolo 51.693 immobili, pari a circa 55 mila chilometri quadrati, in altri termini il 18% della superficie del Paese; di questi, oltre il 60% insiste in Sicilia. Si tratta di una porzione, quella siciliana, di gran lunga maggiore di quella esistente in altre nazioni europee". "Siamo titolari di un enorme patrimonio artistico - proseguono i parlamentari dell'opposizione - spesso malamente gestito, ma in grado di offrire un cospicuo gettito alle casse erariali e, soprattutto un grande slancio all’ economia nazionale".
Il disegno di legge va ad integrare la carenza di manutenzione delle aree artistiche ed archeologiche affidate a gestione commissariale, non in grado di programmare interventi e rivisita il ruolo delle soprintendenze e della loro capacità di spesa. L’Osservatorio Permanente della Regione Siciliana per il Patrimonio Culturale, creerebbe le condizioni concrete per la fruizione di tutti i beni artistici e culturali della Sicilia, d’intesa con le Soprintendenze, collaborando con gli enti pubblici di competenza (Università, Comuni, ex Provincie etc.) e i privati, anche attraverso accordi di programma pluriennali. L'obiettivo è ampliare la conoscenza a mezzo di dibattiti pubblici, tavole rotonde, incontri con associazioni e scuole di ogni ordine e grado, perché si qualifichi la coscienza collettiva culturale, organizzare di corsi di formazione nella tutela di beni culturali per vigili urbani, che normalmente sono i primi riferimenti per i turisti, promuovere il sistema delle sponsorizzazioni da parte di istituzioni economiche, bancarie e imprenditoriali, finalizzato al restauro di opere e beni da rendere fruibili,assicurare la migliore e prolungatala fruizione dei beni, dei siti e dei luoghi in genere. I componenti dell'Osservatorio - prevede il ddl - svolgeranno la loro attività a titolo gratuito". 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.