Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 14 luglio 2016

Spiagge, l’Europa boccia la proroga automatica delle concessioni demaniali

Come prevedibile, la Corte europea ha bocciatola proroga automatica decisa dall’Italia per le concessioni demaniali marittime e lacustri fino al 31 dicembre 2020. «Tale proroga prevista dalla legge italiana impedisce di effettuare una selezione imparziale e trasparente dei candidati», afferma la sentenza. Quindi ora, con questo verdetto, tutti gli stabilimenti balneari italiani sarebbero in teoria abusivi, poiché le loro concessioni sono tornate alla precedente scadenza del 31 dicembre 2015.
L’Europa ha un’idea molto semplice per risolvere il problema: avviare la procedura di selezione. Ora la palla passa al Governo che avrebbe pronti degli emendamenti al decreto Enti locali che approverà la prossima settimana per garantire le attuali concessioni, anche se la Corte Ue le ha annullate.
La direttiva Bolkestein (da Frits Bolkestein, commissario europeo per il mercato interno della Commissione Prodi, ha curato e sostenuto questa direttiva, che per semplicità viene indicata con il suo nome), emanata nel 2006 e in Gazzetta dal 2010, si concentra sui servizi del mercato unico europeo e prevede, per quanto riguarda in particolare le attività dei bagnanti, la possibilità a tutti anche ad operatori di altri Paesi dell’Ue di partecipare ai bandi pubblici per l’assegnazione delle concessioni demaniali.
La sentenza negativa era largamente attesa dagli addetti al settore, spaventatid all’idea che le concessioni balneari, che quasi sempre vengono tramandate da padre a figlio, finiscano all’asta, specie dopo aver fatto fior di investimenti. Ora toccherà al Governo, accusato di eccessivo immobilismo dagli operatori del settore.
Il vicepresidente dei parlamentati di Area popolare, Sergio Pizzolante, ha fatto sapere che "nelle prossime ore il relatore al decreto legge sugli Enti Locali in discussione in Commissione Bilancio alla Camera presenterà un emendamento sintesi di quelli del sottoscritto e di Arlotti per garantire la continuità delle concessioni in attesa della legge delega di riordino di concessioni e canoni. 
La Legge delega che garantisce un periodo di transizione, il riconoscimento del valore commerciale delle attuali concessioni e la professionalità acquisita è pronta e dovrebbe essere presentata in uno dei prossimi consigli dei ministri. Il Ministro Costa ha consegnato il ddl nelle mani del Premier".

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.