Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 29 dicembre 2012

GLI STIPENDI DEL MONDO NORMALE E QUELLI DEL PALAZZO

Ricordate gli spot sui detersivi? Mostravano le lenzuola appese ai fili e testimoniavano la differenza fra il bucato trattato con il detersivo pubblicizzato, e l’altro abbrunito dalla permanenza dello “sporco”. Il bilancio preventivo della pubblica amministrazione, e ancor più il consuntivo, è una specie di esame finestra. La montagna di chiacchiere che precede il documento finanziario nell’impatto con la realtà rivela la sua natura, nuda e cruda.
Le volontà dei politici, reclamizzate in tutte le salse, si arrendono di fronte ai conti in rosso. Com’è capitato finora alla Regione e, soprattutto, a Palazzo dei Normanni, sede dell’Ars. In questi ultimi quattro anni le prediche sul risparmio sono state tenaci e quotidiane. Un esempio? Il prepensionamento di alcuni alti dirigenti dell’Assemblea è stato spiegato con la necessità di risparmiare. Il trasferimento dell’emolumento a carico del Fondo pensioni  Ars restava invece sul groppone dell’Assemblea.
Le bugie hanno le gambe corte e non possono sempre confidare nel cervello fino.
Pare che la musica sia cambiata, perché il Presidente dell’Ars neo eletto, Giovanni Ardizzone, vuole farsi ricordare per un vero giro di vite. San Tommaso suggerisce di provare per credere. Un po’ di fiducia non guasta.
Il bilancio preventivo interno dell’Assemblea è stato messo a punto. Da 170 milioni di euro si dovrebbe passare a 155-160, con un taglio del quindici per cento, stando alle intenzioni annunciate da Ardizzone. 62 milioni sono il gap di Palazzo dei Normanni: la manutenzione del Palazzo Reale e il Fondo pensioni interno. Queste “voci” di bilancio fanno volare al primo posto l’Assemblea regionale nella virtuale classifica dei costi dei consigli regionali.
Qualche segnale di morigeratezza è arrivato con l’annuncio della modifica della pianta organica: non ci sarà il segretario generale aggiunto ed è prevista una riorganizzazione del lavoro con il taglio di alcune direzione e reggenze.
Ma le voci di bilancio più importanti restano gli emolumenti ai deputati regionali e al personale dipendente. Il Consiglio di presidenza dal 1947 ad oggi ha applicato, con qualche eccezione, l’aurea regola del parametro con il Senato della Repubblica. Non è una norma, ma una prassi, una consuetidine, che ha assunto il rango di norma.
Per conoscere i meccanismi di attribuzione degli stipendi, quindi, basta dare uno sguardo a ciò che avviene a Palazzo Madama. Nel 2010 la retribuzione media lorda dei dipendenti di Palazzo Madama è di circa 146 mila euro: il  triplo dei docenti universitari, quattro volte di più dei medici, cinque volte di più degli insegnanti e personale della scuola.
La spesa per il trattamento di quiescenza al Senato è aumentata di circa il 20 per cento. Dal 2008 al 2012 gli stipendi e le pensioni hanno subito un incremento del 43 per cento. La causa? Il recupero triennale dell’inflazione, gli scatti di progressione automatici biennali, gli incrementi percentuali (gli stipendi non aumentano mai in valore assoluto,). Lo stipendio del dipendente di rango più basso, l’assistente parlamentare, reggiunge  da 38 mila euro circa all’iniziale il tetto massimo di 159 mila euro, quattro volte di più, dunque: i coadiutori passano da 46 a 192 mila euro, i segretari da 56 a 255 mila, gli stenografi da 67 a 287 mila euro, i consiglieri da 85 a 417 mila euro lordi annui.
Nel mondo “normale”, un docente dispone di sei scatti con un incremento del 50 per cento della busta paga rispetto all’iniziale. Gli scatti automatici nel pubblico impiego sono stati infatti aboliti venti anni or sono.
Il bilancio dell’Assemblea regionale deve misurarsi con i meccanismi del parametro. Costi della politica, perché gli emolumenti nelle assemblee legislative sono state sempre “aggiornati” in parallelo, sia per le rappresentanze parlamentari quanto per il personale dipendente. E’ questa simmetria, accanto ad una rigida riservatezza, che sostanzialmente ha reso “intoccabili” gli emolumenti.
La stagione della spending review non ha finora sfiorato i meccanismi stipendiali. Non è lontanamente pensabile che accada oggi.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.