Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 9 marzo 2013

Titolare di una attività di ristorazione segnala aggressione

Momenti di paura due sere fa per la moglie del titolare di una attività di ristorazione ubicata nel centro storico a Lipari. Così come ci ha raccontato la signora verso le 20.20 è stata aggredita nel suo locale da G.L.S., un uomo di Lipari che-come è risaputo- è disturbato mentalmente.
L'uomo- che spesso si reca nel locale creando disturbo ai titolari e ai clienti- per l'ennesima volta stava per fare ingresso nell'attività quando la moglie del titolare, per evitare problemi, ha tentato di chiudere la porta e, nello stesso tempo, dicendo all'uomo che  il locale era chiuso. 
Per tutta risposta si è vista spingere con brutalità la porta contro, riportando un trauma al braccio così come poi accertato anche al pronto soccorso. Alle grida di aiuto della donna sono accorsi alcuni dei clienti presenti. Così l'uomo si è allontanato. Contemporaneamente ha avvisato i carabinieri ma, per evitare altre possibili "visite" ha dovuto chiudere la  porta del locale e, di volta in volta, aprendo ai clienti che bussavano! 
La  signora, che  ha sporto denuncia presso i carabinieri, invita chi di  competenza " a fare qualcosa in quanto tutti sanno che questa persona è pericolosa e continua a girare tranquillamente per le vie del centro disturbando le varie attività.  Spero-ci ha detto- che facciano qualcosa e non si deve aspettare che accada qualcosa di piu grave per rendersi conto che questa persona non può girare cosi per le vie del centro". 
Alla scena, oltre ai clienti (una delle quali in seguito aveva paura ad  uscire dal locale), ha assistito il figlio minore dei titolari rimanendo comprensibilmente sconvolto!
Nessuno vuole gettare  la  croce addosso a nessuno  ma è  chiaro che-stante la situazione e la  condizione psico-fisica del soggetto- non si può restare con le "mani in mano"

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.