Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 14 marzo 2009

Trasporti. "In barba alle nostre richieste" di Christian Del Bono

(Christian Del Bono- presidente Federalberghi) In barba agli ordini del giorno votati all´ARS, agli atti di indirizzo delle Commissioni parlamentari regionali, alle richieste dell´Assessore ai Trasporti della Regione Sicilia, Bufardeci, alle dichiarazioni del Presidente Lombardo, alle interrogazioni presentate al Senato e alla Camera da numerosi onorevoli Senatori e Deputati, alle richieste provenienti dai sindacati Tirrenia, a tutte le manifestazioni di protesta poste in essere dai cittadini insulari e a tutte le mozioni presentate, nelle varie sedi, dai Sindaci delle isole minori della Sicilia (e non solo), con le quali si richiedeva o scorporo della Siremar dalla Tirrenia, ieri il Consiglio dei Ministri, ha decretato la vendita dell´intera partecipazione, detenuta dal Ministero dell´Economia e delle Finanze, in Tirrenia S.p.A.
L´alienazione della partecipazione avverrà mediante ricorso a procedura competitiva, verificando che "i piani industriali che verranno richiesti ai potenziali acquirenti risultino coerenti con le convenzioni di servizio pubblico di cui all´art. 1, commi 998 e 999, della legge 27 dicembre 2006, n. 296".
Ci si chiedeva come mai il Ministro Matteoli non avesse ancora convocato il tavolo tecnico da questi annunciato per i primi giorni di febbraio. Adesso non ci sono più dubbi.
Ci si chiedeva se, effettivamente, l´Unione Europea non avesse potuto accettare delle soluzioni diversificate, delle deroghe, nel rispetto delle peculiarità delle linee e dei territori serviti dalla Tirrenia e dalle sue consociate e degli stessi trattati Comunitari. Adesso non è più necessario rispondere a questa domanda perché Il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell´Economie e delle Finanze, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti hanno già deciso e risolto il problema per noi, in barba alle nostre richieste, ai nostri sforzi e alle nostre preoccupazioni.