Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 30 gennaio 2013

“IL DPEF VOTATELO VOI” I GRILLINI LASCIANO L’AULA

di Chiara Billitteri -
Questo Dpef non s’ha da fare: sembra essere questo l’imperativo, tra gli scranni di Sala D’Ercole. Il documento di programmazione economica e finanziaria non piace quasi a nessuno, e infatti al momento della votazione è mancato il numero legale in Aula per ben due volte. Dopo averlo annunciato al momento delle dichiarazioni di voto, infatti, tutto il gruppo del Movimento 5 Stelle ha abbandonato l’Aula (anche per protestare contro il mancato stop al Muos di Niscemi dopo la mozione approvata dall’Ars due settimane fa), insieme con i deputati di Cantiere Popolare. Contrari anche Pdl e Lista Musumeci.
“Questo Dpef – ha dichiarato Nello Musumeci – è una delusione: è lo specchio di un governo dalla condotta schizofrenica e contraddittoria, ripete le patologie del sistema ma non sa indicare alcun rimedio. Alle commissioni parlamentari non arriva uno straccio di proposta dal governo, e quasi tutti gli assessori sembrano brancolare nel buio”.
E, in sostanza, la linea è condivisa da tutta l’opposizione: il documento non contiene “le risposte ai problemi della Sicilia”. “Ne’ quelli economici – ha detto Francesco Scoma – ne’ quelli strutturali. Non si tengono in considerazione l’agricoltura, l’energia e l’imprenditoria in genere”. Toto Cordaro del Pid l’ha definito “vuoto e disarmante: una mera illustrazione dei dati Istat sul pil”.
Il voto, perciò, è slittato a giovedì prossimo. E già c’è chi parla di governo senza maggioranza. Le defezioni di alcuni deputati dai loro rispettivi partiti avevano infatti convinto il presidente della Regione, Rosario Crocetta, di potere ottenere l’appoggio che gli manca per avere la tanto agognata “maggioranza bulgara” in parlamento: 46 deputati. Oggi, però, hanno votato a favore del documento governativo soltanto 36 deputati.
“Questo – ha detto Cordaro (Pid) – dimostra come Crocetta, senza l’appoggio dei grillini, non abbia la maggioranza all’Ars”. E il vicepresidente del Popolo delle libertà, Marco Falcone, ha parlato di “maggioranza già in ambasce”. “Altro che 46 voti sicuri – ha aggiunto Falcone – . Per arrivare a 36, oggi in Aula, c’è stato perfino bisogno di due consensi da parte della minoranza”.
Ma il presidente della Regione ha sempre l’appoggio della sua maggioranza: il capogruppo del Pd, Baldo Gucciardi, ha confermato l’appoggio all’assessore all’Economia Luca Bianchi. “Attraverso il Dpef – ha detto Gucciardi – il governo regionale ha proposto un’analisi attenta e trasparente: emerge una realtà difficile, ma si indica un percorso di vero risanamento per la Sicilia. Assessore, proseguite così, il Pd sosterrà con forza ogni azione di contrasto agli sprechi e di buon utilizzo dei fondi pubblici”.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.