Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 22 luglio 2009

I dissuasori di via Marconi: ostacolo nell'emergenza anche vulcanica, blocco per i diversamente abili.. con aspetti di etica sociale e politica

Una dettagliata nota sui contestati e contestabili "dissuasori" della "via del Gattopardo" è stata inviata dai consiglieri comunali Giacomo Biviano, Rosario Centorrino, Nunziata D’Alia, Bartolo Lauria, Pietro Lo Cascio, Mario Paino, Adolfo Sabatini a S.E. il Prefetto di Messina, al Presidente della Provincia di Messina, al Direttore del Dipartimento Viabilità della Provincia di Messina, al Comando dei Vigili del Fuoco di Lipari, al Comando dei Vigili del Fuoco di Messina, all’Ufficio Protezione Civile della Provincia di Messina e p.c. al Difensore Civico del Comune di Lipari, al Direttore Generale A.S.L. 5 Messina, al Sindaco del Comune di Lipari, al Dirigente del IV Settore del Comune di Lipari. L' oggetto: chiusura al traffico veicolare e al transito dei diversamente abili mediante dissuasori privati nel raccordo via Marconi-strada provinciale 179 nel Comune di Lipari.
Negli ultimi sei anni, Lipari ha vissuto due momenti di reale allarme e di emergenza, entrambi legati all’attività vulcanica dello Stromboli e al fenomeno di onde marine di grosso impatto connesse alla stessa. Alla fine del 2003 e nel 2007, infatti, la cittadinanza è stata allertata (spesso con mezzi di fortuna e in pochi minuti) e invitata a raggiungere nel più breve tempo possibile le contrade più alte dell’isola, per sfuggire al pericolo rappresentato dall’arrivo dell’onda anomala. Ad oggi, fortunatamente, non si registrano danni gravi a persone o a cose, ma non si può escludere che ciò possa verificarsi nuovamente, e questo non per macabro gusto di catastrofismo, ma perché la probabile incidenza del fenomeno è ampiamente dimostrata in una vasta letteratura scientifica.
Gran parte dell’abitato di Lipari centro risulta racchiusa entro un perimetro definito da via Isabella Conti Eller Vainicher (già via Diana), comunemente detta appunto la “circonvallazione”. Questa ampia strada rotabile dà accesso alla S.P. 179 che collega Lipari a Pianoconte e alle contrade alte; oltre a questo accesso, lungo il percorso di via Conti si aprono soltanto tre svincoli trasversali che permetterebbero un più rapido accesso alla S.P. 179: uno è la strada per Contrada S. Margherita, la cui pendenza tuttavia sconsiglia di considerarla quale via di fuga praticabile in caso di emergenza; l’altro è rappresentato da Vallone Valle, la cui attuale conformazione consente esclusivamente il transito pedonale; l’ultimo è rappresentato da via Marconi, unica bretella transitabile con automezzi e che attraversa in direzione Est-Ovest buona parte dell’abitato, raccordando il corso principale dello stesso (via Vittorio Emanuele) direttamente alla S.P. 179.
Alla luce di queste considerazioni, appare evidente come via Marconi rappresenti l’UNICA bretella rotabile alternativa al tratto iniziale della S.P. 179 per accedere alle contrade alte di Pianoconte e Quattropani.
La sua recente chiusura mediante dissuasori disposta dal Comune di Lipari è in evidente contraddizione con la necessità di mantenere non solo la più ampia gamma possibile di vie di fuga, ma la minima opportuna dotazione delle stesse che un centro dove risiedono circa 6000 abitanti e che durante la stagione turistica registra numeri considerevolmente più alti dovrebbe garantire per la sicurezza in caso di emergenza.
Inoltre, via Marconi rappresenta l’unica alternativa al transito di autoambulanze e/o mezzi di pubblico soccorso tra Lipari e Pianoconte nel caso che si verifichi un impedimento temporaneo (traffico stradale, incidenti, ecc.) al normale transito tra via Conti e il tratto iniziale della S.P. 179. L’attuale chiusura costringe anche a una improbabile manovra di retromarcia l’eventuale mezzo di soccorso che dovesse recarsi all’interno della via Marconi, la cui carreggiata rende impossibile una inversione di marcia; tale eventualità non è assolutamente speculativa, considerando che sul tratto interessato si affacciano numerose abitazioni private e un albergo.
Ma il fatto diviene ancora meno comprensibile quando si apprende che l’iniziativa della chiusura è partita su richiesta avanzata da un imprenditore turistico, proprietario dello stesso albergo, con il quale il Comandante della Polizia Municipale ha concordato la collocazione dei dissuasori (vedi quanto affermato nel parere viabilità espresso dagli Ispettori capo Natoli e Palazzotto in data 10.06.09, n. prot. 1992/PM). Diviene poi allarmante quando si apprende che i lavori di collocazione (e, si desume, la stessa scelta dei dissuasori) sono stati eseguiti dallo stesso imprenditore, in luogo di un normale intervento eseguito da un Ente pubblico di competenza.
Il problema non è solo formale, ma sostanziale. Secondo l’ordinanza n. 64/09 emessa dal Dirigente del IV Settore del Comune di Lipari Russo, i dissuasori devono garantire il passaggio dei pedoni e dei diversamente abili. Tuttavia, e risulta evidente alla luce di una rapida verifica in loco, i dissuasori collocati NON permettono assolutamente il passaggio dei diversamente abili, categoria che comprende anche chi è costretto all’uso di carrozzelle, le cui dimensioni standard risultano maggiori di quelle dei varchi.
Riassumendo, la collocazione di dissuasori 1) viola la fondamentale esigenza di mantenimento di una via di fuga importante in un territorio che è stato interessato da due emergenze ad alto rischio durante gli ultimi sei anni, 2) viola le elementari esigenze di mantenimento di una bretella alternativa al transito di mezzi di soccorso, 3) viola l’esigenza di consentire il transito dei diversamente abili con l’ausilio di carrozzelle in una strada dove, prima dell’intervento, non esistevano barriere architettoniche.
Via Marconi risultava già interdetta al traffico dei motocicli, per ragioni di tutela della quiete dei residenti e dei villeggianti. Questo divieto poteva essere considerato di per sè sufficiente, ma il Dirigente del Comune di Lipari Russo ha ritenuto di avallare le richieste di un imprenditore che, al contempo, è anche esponente politico della maggioranza nella sua qualità di consigliere comunale. È, quanto meno, singolare osservare come le esigenze di tutela della quiete e di dissuasione del traffico veicolare nel territorio del Comune di Lipari siano ampiamente diffuse, ma che a eccezione dell’intervento di via Marconi (peraltro effettuato ad libitum da un privato) non si registrino altri interventi oltre la collocazione di “fioriere”.
Il problema che sottoponiamo alle SS.VV., chiedendo la Vs. opportuna valutazione e il Vs. intervento sulle incongruenze evidenziate, è pertanto prevalentemente di natura tecnica, ma investe anche aspetti relativi alla corretta gestione della viabilità e degli interventi connessi, nonché quello della sicurezza di una comunità esposta a rischi che, in questi anni, hanno giustificato il grande clamore dell’“emergenza vulcanica” delle Eolie. Investirebbe anche, per amor del vero, aspetti di etica sociale e politica, ma su questi ultimi preferiamo sottacere, essendo ormai avvezzi ad assistere all’uso della cosa pubblica a servizio di una ristretta compagine di fortunati beneficiari.
Con i dovuti ossequi
i consiglieri comunali
Giacomo Biviano
Rosario Centorrino
Nunziata D’Alia
Bartolo Lauria
Pietro Lo Cascio
Mario Paino
Adolfo Sabatini