Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 novembre 2010

Vulcano: arrestato dai carabinieri un uomo per trasporto illegale di rifiuti pericolosi, in violazione alle recenti normative vigenti in Sicilia

COMUNICATO STAMPA COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI
In relazione a recenti direttive del Comando Provinciale Carabinieri di Messina, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno effettuato, nel territorio di competenza, dei servizi straordinari per la prevenzione e per il contrasto dei reati di natura ambientale.
In tale contesto, nella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Vulcano, hanno tratto in arresto A. F., cl. 1960, nato Lipari e residente a Vulcano, imprenditore edile. Il predetto è stato sorpreso dai militari operanti, mentre trasportava, a bordo di un autocarro, privo di autorizzazione, materiale di risulta derivante da lavori di demolizione.
Successivi accerta,menti hanno permesso di individuare in quella contrada Piano una discarica non autorizzata e nella disponibilità dell'uonmo ove erano stato depositato abusivamente ulteriore materiale di risulta.
Il mezzo, il materiale trasportato e l’area adibita a discarica sono stati sottoposti a sequestro.
Stante la flagranza di reato, A. F. è stato tratto in arresto per attività di raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi e non, in assenza di autorizzazione e per abbandono di rifiuti speciali su un suolo in modo incontrollato e su un sito non autorizzato.
Dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato, il prevenuto è tradotto presso l’abitazione in regime degli arresti domiciliari.
In proposito, come già più volte richiamato, con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 luglio 2010 è stato dichiarato fino al 31 dicembre 2012 lo stato di emergenza per lo smaltimento dei rifiuti urbani nel territorio della Regione Siciliana.
La dichiarazione del citato stato di emergenza permette l’applicazione in Sicilia della più grave disciplina sanzionatoria prevista dal D.L. 172/2008 convertito in Legge 210/2008, riguardante misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti ed in passato già applicata nella Regione Campania.
Nella circostanza, come detto, la vigente normativa, anche per il semplice trasporto non autorizzato prevede che “chiunque effettua una attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza dell'autorizzazione, iscrizione o comunicazione prescritte dalla normativa vigente è punito:
con la pena della reclusione da sei mesi a quattro anni, nonché con la multa da diecimila euro a trentamila euro se si tratta di rifiuti non pericolosi;
con la pena della reclusione da uno a sei anni e con la multa da quindicimila euro a cinquantamila euro se si tratta di rifiuti pericolosi”.
I controlli da parte dei Carabinieri, in applicazione della richiamata normativa, continuano pressanti su tutto il territorio della provincia.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.