Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 4 marzo 2011

Depuratore. L'associazione "Per Canneto" a Pelaggi: "...noi suoneremo le nostre campane". Ma l'incontro di oggi rischia di saltare

Nuova lettera dell'Associazione "Per Canneto" al commissario Pelaggi:
PRIMA DELL'INCONTRO, DESIDERIAMO PORTARE A CONOSCENZA, ANCORA UNA VOLTA, IL NOSTRO PENSIERO SUL  NECESSARIO E UTILE DEPURATORE. ABBIAMO RICEVUTO LA SUA MISSIVA INVIATACI IL 21/02/2011 A MEZZO FAX  CON LA  QUALE  ELLA,  SIG. PELAGGI,  HA  SINTETICAMENTE ESPOSTO, CHIARIMENTI,   A  GIUSTIFICAZIONE DELLA DECISIONE INTRAPRESA  PER  L' INSTALLAZIONE  DEL  DEPURATORE,  NEL SITO DI “CANNETO DENTRO” E  DESIDERIAMO RINGRAZIARLA PER AVER DATO RISPOSTA  ALLA NOSTRA LETTERA DEL 14 FEBBRAIO 2011. DESIDERIAMO    RINGRAZIARE  PURE, IL  NOSTRO SINDACO,  CHE HA VOLUTO INVITARCI  A  PRESENZIARE   ALL'INCONTRO PUBBLICO  ODIERNO.
ELLA  SIG. PELAGGI,  PIU'  VOLTE HA DATO,  SOMMARIAMENTE  E NON  IN  DETTAGLIO, LA SEQUENZA DEI  VARI PASSAGGI  PER LA PROGETTAZIONE  DELL'IMPIANTO IN PAROLA  E ABBIAMO APPRESO ANCHE,   CHE   UNITAMENTE AL SIG. SINDACO, AL RUP. DOTT. DOMENICO RUSSO  E  A QUALCHE CONSIGLIERE, HA  AFFRONTATO  IL GRAVOSO  PROBLEMA   DEL DEPURATORE  DA  INSTALLARE NEL SITO DI  “CANNETO DENTRO” HA  SOSTENUTO  ANCHE,  CHE LA SEGRETERIA TECNICA COMPETENTE,  ATTRAVERSO UN SOPRALLUOGO,   HA CONSIDERATO INAMMISSIBILE,  PER   RISCHI   GEOLOGICI   E GEOTECNICI, IL SITO DOVE PREVISTO DAL PRG.   - “DOPO PIGNATARO”;  NOI  PERO', SIAMO A CONOSCENZA CHE PER QUELLA ZONA ESISTE UNA CONVENZIONE TRA I  PROPRIETARI DEI TERRENI ED IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI.  -  CI DOMANDIAMO PERCHE' QUESTA  CONVENZIONE? QUALI INTERESSI SI PREVEDONO PER LA COMUNITA'  EOLIANA?     -
ELLA CHE HA LA FACOLTA'  DI ANDARE IN DEROGA, DICIAMO,  ALLA QUALUNQUE, NON  POTEVA  ADOPERARSI  PER UNO SPOSTAMENTO UTILE  E  POSSIBILE, SEMPRE IN QUELLA ZONA, PER SCANZARE I RISCHI SOPRA CITATI?    -  CI RISULTA  PURE CHE C'E'  GIA' UN PROGETTO PER QUELLA ZONA. E  SCONOSCIAMO I MOTIVI PERCHE'  SIA STATO  ABBANDONATO.  QUANDO AMURI VOLI TROVA LUOGO,  SIAMO SOLITO DIRE A LIPARI. IN MERITO AL DEGRADO DEL SITO “CANNETO DENTRO”, UMILMENTE VOGLIAMO RICORDARE CHE L'ISOLA DI LIPARI, NON HA   ALCUN CENTRO DEGRADATO, TANTO E' VERO, CHE E' INSCRITTO IN QUELL'ELENCO STRAORDINARIO FAMOSO  CHE CI PROMUOVE “PATRIMONIO DELL'UMANITA'. PIUTTOSTO, IL  DEGRADO DI CUI ELLA SI VANTA DI ELIMINARE, SARA' ARMONIOSAMENTE  EVIDENZIATO DALLA PRESENZA DI VASCHE PROGETTATE SIA  A  SOTTOMONASTERO SIA  NELLA BAIA  DI CANNETO LOCALITA' UNCI, DOVE D'ESTATE,   I TANTI TURISTI DELL'ISOLA  E I  RESIDENTI, PRENDONO IL SOLE  E  SI RINFRESCANO  IN QUEL MARE ANCORA , ANCORA  E RIPETIAMO ANCORA,  LIMPIDO  E  PULITO.
COSA SUCCEDERA',  E  LO  CHIEDIAMO   A  ELLA   SIG. PELAGGI,   SE  UN PROBLEMA TECNICO  SI  VERIFICASSE  ALLE VASCHE,  O ALL'IMPIANTO, ED I  LIQUAMI   ANDASSERO  IN MARE?  NOI   NON  VOGLIANO A  LIPARI UNA SECONDA  CUMA , ANCHE PERCHE', LIPARI VIVE  ESCLUSIVAMENTE  DI TURISMO,  L'AGRICOLTURA E' IN GINOCCHIO, LA PESCA  CON LE CONTINUE RESTRIZIONI NON ASSICURA  PIU' PANE PER I  PESCATORI , LA PUMEX  CHE DAVA  LAVORO A CENTINAIA  DI FAMIGLIE E' SCOMPARSA PROPRIO  PERCHE'  LA NOSTRA  ISOLA    E'  PATRIMONIO DELL'UMANITA'  , L'EDILIZIA   E'  FERMA  PERCHE', CON I TEMPI CHE CORRONO, NESSUNO VUOLE INVESTIRE; FORSE ANCORA OGGI NON CE NE ACCORGIAMO MA IL DOMANI PER GLI EOLIANI DELL'ISOLA,  E' VERAMENTE TRISTE.  
ELLA  SOSTIENE CHE L'IPOTESI DEL SITO “CANNETO DENTRO” E' DIVENUTA  CONCRETA ,  DOPO UN INCONTRO CON I RESPONSABILI DEL CONSORZIO  ARTIGIANI   DI LIPARI,   E  DOPO UN RENDERING RELATIVO ALL'UBICAZIONE DEL DEPURATORE,   FRA  L'ALTRO,  E'  STATA  ANCHE CONFERMATA   LA COMPATIBILITA' TRA L'INSEDIAMENTO DELL' OPERA   FOGNARIA  E DI  QUELLO   DEGLI   ARTIGIANI  MA,  SE   E' COME DICE ELLA,    SAREBBE STATO SOLO NECESSARIO IL PARERE DEL CONSORZIO ARTIGIANI -   CHE FRA L'ALTRO,  RISULTA,  NON ABBIA ANCORA RICEVUTO  ASSICURAZIONI  E  CERTEZZE FONDATE  SULLA COMPATIBILITA'-,    NON ERA PIU' DEMOCRATICO COINVOLGERE LA CITTADINANZA, NEI  TEMPI DEBITI  PER UNA DISAMINA  POPOLARE SU QUELLO CHE SI VOLEVA PROGGETTARE? CON I  MILLE  DISCORSI  “EMERGENZE”  CI STIAMO AVVICINANDO AD  UN SISTEMA  CHE SMINUISCE QUELLI  CHE SONO I PRINCIPALI  SOSTEGNI  DELLA  DEMOCRAZIA COME SI SUOL DIRE,”LA GATTA FRETTOLOSA FA I GATTINI CIECHI”.
NON PARLIAMO DI AMPIA PUBBLICITA'  PER IL DEPURATORE A “ CANNETO DENTRO” SIG. PELAGGI, PERCHE'  SICURAMENTE , QUANDO UN'ASSOCIAZIONE, NATA PER ESSERE DI AUSILIO ALL'AMMIISTRAZIONE NELLE COSE DI PUBBLICA UTILITA', NATA  PER COLLABORARE  NELL'INTERESSE  DEL PAESE, E CHE OPERA  NEL MONDO DELLO SPORT, DELLA SCUOLA E DELLA VITA SOCIALE   NON VIENE COINVOLTA,   E  LE  VIENE VIETATO L'INGRESSO ALLA CONFERENZA DI SERVIZIO DEL 06/12/2010 TENUTASI A MESSINA, SI HA MOTIVO DI CREDERE CHE,   SI VOGLIONO  TENERE ATTEGGIAMENTI  DI  SEGRETEZZA  DI  CUI SCONOSCIAMO GLI SCOPI. DALLA SUA LETTERA INVIATACI   PROPRIO  IL 21/02  C.A., ABBIAMO MOTIVO DI CREDERE CHE  TUTTO E' COMPIUTO, PERO' POSSIAMO AVER MALE INTREPRETATO  LA SUA LETTERA  E  POTREBBERO ESSERCI  ANCORA  SPERANZE  PER UNA  DISCUSSIONE ONDE EVITARE UNO SCEMPIO DI COSI' ALTO DEGRADO AMBIENTALE SIA  A  SOTTOMONASTERO (PORTA PRINCIPALE DI LIPARI) SIA NELLA BAIA DI CANNETO CHE TUTTI CI INVIDANO,   SIA  A “CANNETO DENTRO” DOVE IL CONSORZIO ARTIGIANI DOVREBBE  FAR NASCERE OPERE PRODUTTIVE  PER L'ECONOMIA  DEL PAESE. ,
NOI COME ASSOCIAZIONE  PREGHIAMO,   - ELLA, SIG. PELAGGI, L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE,  IL CONSIGLIO  COMUNALE  CHE DEVE LOTTARE  PER  NON PERDERE IL SUO  RU0LO,    AFFINCHE'  CI SIA,    DA PARTE DI TUTTI -, ALLA LUCE DI QUANTO  E'  EMERSO CON OSSERVAZIONI,  CONTESTAZIONI,  DELIBERE CONSILIARI,  MALCONTENTI DI PERSONE CHE SI SONO  ESPRESSI SU INTERNET E CHE VOGLIONO  ANCORA  IL BENE DEL PAESE, -   LA MASSIMA COMPRENSIONE,     IL MASSIMO IMPEGNO,   E L'ABNEGAZIONE NESESSARIA   PER  FAR  DEPENNARE,   IL SITO DI  “CANNETO DENTRO” COME LUOGO IDEALE PER LA COSTRUZIONE DI QUESTO GRANDE GIGANTE CHIAMATO  DEPURATORE.  QUESTA   RICHIESTA,  QUESTA PREGHIERA , PERCHE' DESIDERIAMO     TENERE,  LA TRANQUILLITA', LA SERENITA', LA PACE,  E IL BENESSERE DELL'ISOLA  MINATO  DA  UNA  PROGETTAZIONE  NEFASTA  E ASSURDA.  SI COSTRUISCA , ” NON NEL SITO DI “CANNETO DENTRO”,   UN DEPURATORE,   CHE  ARRECHI  IL MINOR MALE POSSIBILE.
AUSPICHIAMO     CHE  ANCORA  LA NOSTRA COMUNITA' EOLIANA POSSA TROVARE, L' AMOR PATRIO,  LA VOLONTA',  LA FORZA,   IL  CORAGGIO  PER  ESPRIMERSI   FORTEMENTE,    CON  PIU'  DETERMINAZIONE,  SENZA TRASCURARE IL MINIMO APPIGLIO    PER ARRAMPICARSI ,  SE NECESSARIO,   ANCHE SUGLI SPECCHI. E  COME  EBBI   A  DIRE UN  GRANDE  UOMO PATRIOTA,    QUANDO I  RESPONSABILI  SUONERANNO   LE LORO TROMBE,  NOI  EOLIANI   SUONEREMO    LE NOSTRE CAMPANE.
NDD- L'incontro di oggi a Lipari, con il commissario, è però a forte rischio. Pelaggi, infatti, da circa una trentina di minuti è a Milazzo. Avrebbe dovuto imbarcarsi sull'aliscafo Siremar delle 12 e 15 (sospesa). Non sono certi neanche il collegamento delle 13 e 15 (Siremar) e 14 e 30 (Ustica Lines). 
L'incontro, quindi, potrebbe saltare o slittare.  

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.