Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 17 aprile 2012

Molti vulcani sembrano spenti, ma sono solo dormienti. Guarda il “respiro” dell’Etna


Attenzione ai vulcani che sembrano spenti, in realtà potrebbero essere solo dormienti e risvegliarsi di colpo. E’ questo quanto si è scoperto tenendo sotto controllo alcuni vulcani ritenuti ormai inattivi attraverso l’uso di satelliti. Come avvenne con il vulcano islandese Eyjafjallajökull nel 2010 un’eruzione in certe aree del pianeta può avere serie conseguenze sulla vita sociale dell’uomo e quindi è giusto essere il più possibile al corrente della situazione di tutti i vulcani della Terra. Attualmente dei circa 440 vulcani attivi presenti sul nostro pianeta, ben 384 sono monitorati solo superficialmente e tra questi ve ne sono ben 65 molto pericolosi per milioni di persone. Per questo motivo almeno un rilevamento costante dal cielo, come ha fatto negli ultimi anni il satellite dell’Esa Envisat (purtroppo in questi giorni un guasto l’ha messo fuori servizio), può essere di grande aiuto per verificare se un vulcano può essere vicino ad una prossima eruzione. Envisat e satelliti simili utilizzano la tecnica chiamata Interferometric Synthetic Aperture Radar che dà modo attraverso l’invio di onde radar al suolo di verficare se vi sono variazioni della superficie della Terra tra due o più passaggi del satellite. Piccoli cambiamenti della morfologia del suolo infatti fanno variare i tempi di risposta delle onde radar che possono essere evidenziate su una carta con diversi colori. Queste carte vengono chiamate “Interferogrammi SAR”.
La causa delle variazioni morfologiche di un’area vulcanica è legata ai movimenti del magma sotto la superficie terrestre che può gonfiare il suolo sovrastante se questi si avvicina alla superficie o sgonfiarlo se il magma va in profondità o se una camera magmatica si svuota per motivi diversi. Molti vulcani attivi si trovano in aree molto difficili da raggiungere e lo screenning dal cielo può essere di notevole aiuto almeno in una fase iniziale di controllo. Nel caso poi si osservino degli indizi di un possibile avvicinamento del magma alla superficie si può intervenire con strumenti da posizionare sul suolo e ottenere informazioni più precise. Utilizzando la tecnica satellitare la ricerca ha messo in luce che alcuni vulcani ritenuti ormai morti in realtà mostrano segni di un possibile ritorno all’attività. Un esempio è il vulcano Longonot che si trova in Kenya. Il satellite Envisat ha mostrato che durante l’arco di tempo tra il 2004 e il 2006 i fianchi del vulcano si sono alzati di ben 9 cm.
Qui a fianco invece vediamo il “respiro dell’Etna”, ossia il movimento ripetuto di rigonfiamento e sgonfiamento dei fianchi del vulcano come conseguenza della risalita del magma e della sua fuoriuscita tra il 1992 e il 2001. Spiega Juliet Biggs dell’Esa, esperta di interferometria satellitare: “Da quando ho iniziato questo tipo di ricerca, una decina di anni fa, le potenzialità di riuscire a tenere sotto controllo molti vulcani della Terra con i satelliti si sono espanse notevolmente e quindi è una strada che deve essere assolutamente incoraggiata”.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.