Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 21 aprile 2012

Barconi ed elezioni di Antonio Iacullo

VOGLIO SPIEGARVI LA FOTO DI QUESTA MATTINA: 21 APRILE 2012

Come ogni mattina, nonostante il tempo inclemente o l’olezzo di fogna che ogni tanto delizia i malcapitati frequentatori del “salotto di Lipari”, avevo appena finito di fare colazione.
Prima del mio arrivo, fortunatamente per me, erano già passati un discreto numero di “candidati”, richiamati dalla visita lampo del già sindaco Bruno che accompagnava il nuovo candidato di parte sua, il Rag. Gianfranco Grasso. Non so cosa tutti loro abbiano promesso agli interlocutori, e non mi interessa; anche perché presumo siano le stesse cose che da oltre 50 anni promettono tutti i “candidati” di sempre e di ogni parte politica. Almeno, è così che dice la stragrande maggioranza degli eoliani.
Che c’entra la foto?
Era appena arrivato un “barcone” ; non quelli di Lampedusa, ma quelli che vengono da Milazzo! Ebbene, posso assicurare che l’accoglienza  mi è sembrata sicuramente peggiore.
Vedete quella catena in basso a sinistra sotto la statua di San Bartolo? E’ lì, caduta per terra da oltre tre anni, e costituisce pericolo. Ma resta li, in quello stato….. per bellezza.
Vedete quella gente in primo piano, e tutta quella davanti agli ombrelloni gialli? Sono i nostri visitatori in attesa dell’unico bagno a loro disposizione in un locale di Marinacorta. Stanno aspettando che si smaltisca la lunga fila che già c’è all’interno di quel locale.
Mi dicono che queste scene si ripetono ad ogni arrivo di questi “barconi”.
Di fronte, accanto alla storica Chiesetta delle Anime del Purgatorio, quella che mostra in maniera evidente i segni del tempo e dell’incuria, esistono dei locali che da oltre un anno , dall’amministrazione uscente, sono stati messi a nuovo, con tanto di bagni nuovi e con facciata azzurrina: sono doverosamente chiusi, sono i locali dell’Ente Porto di Lipari (quello privato che è da venire). Non possono essere utilizzati per i turisti, non possono essere sporcati da questi barbari che dal Nord Europa sbarcano nel salotto eoliano.
Questa gente, più tardi, prenderà l’autobus e, lungo il giro dell’isola, sosterà a Quattrocchi e a Petrara di Quattropani, là fortunatamente, nei belvedere pubblici, troveranno dei locali realizzati da privati per una più degna accoglienza. Per fortuna non percorreranno i sentieri che non ci sono, altrimenti ci potrebbero rubare le bellezze delle nostre isole. Quelle devono rimanere solo nostre. Fanno bene quanti impunemente le camuffano sotto cumuli di detriti a queste migliaia di intrusi, che vorrebbero impunemente godere delle nostre bellezze.
Allora, perché le amministrazioni da sempre vanno alle BIT? Semplice: per spendere i nostri soldi! Non proprio i nostri, perché, come spiega Bossi (il famoso moralizzatore d’Italia), una volta che ce li hanno tolti, loro li possono buttare anche dalla finestra.
Con il nostro consenso? Ma certo che glielo daremo! E non dobbiamo aspettare molto! Fra qualche giorno, a Maggio; come diligentemente facciamo da oltre 50 anni. Mica siamo fessi, noi sappiamo quali sono i nostri interessi e chi ce li può salvaguardare, siamo furbi, noi!
Sono tornato a casa perché sentivo che dentro di me qualcosa non  girava per il verso giusto.
Sarà forse stato il caffè?
Antonio Iacullo

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.