Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 10 giugno 2014

Ministero Ambiente, Presidenza CDM, Greenpeace e un cittadini parti civili contro l'ex commissario Pelaggi

(ANSA) – MILANO, 10 GIU – La Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’Ambiente, le amministrazioni erariali, la Regione Lombardia, Greenpeace e anche il proprietario di un immobile hanno chiesto di costituirsi parti civili nel processo milanese a carico dell’ex commissario governativo, Luigi Pelaggi, e di un’altra trentina di imputati coinvolti nel procedimento con al centro i reati di corruzione e di gestione illecita di rifiuti in relazione alla bonifica dell’area ‘ex Sisas’, a Milano.
Nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dai pm Basilone, Pirotta e Filippini, su presunte irregolarita’ nello smaltimento di circa 280mila tonnellate di rifiuti industriali, lo scorso 22 gennaio, erano stati arrestati Pelaggi, importante funzionario del Ministero dell’Ambiente e che era stato nominato dal Governo Berlusconi nel 2010 proprio per gestire la bonifica di quel ”sito di interesse nazionale”, Francesco Colucci, presidente di Unendo Spa, holding a capo della bonifica tramite la Daneco Impianti, Bernardino Filipponi, amministratore unico di quest’ultima, Claudio Tedesi, ingegnere ambientale e i due responsabili della direzione dei lavori, Fausto Melli e Luciano Capobianco.
Nelle scorse settimane, pero’, la Cassazione ha annullato per incompetenza territoriale, a favore del Tribunale di Roma, l’arresto di Pelaggi e oggi, dunque, la quarta sezione penale di Milano (presidente del collegio Oscar Magi) ha deciso di attendere le motivazioni della Suprema Corte per far discutere le istanze delle difese sul trasferimento del processo e poi decidere.
Prossima udienza il 15 luglio. Intanto, ha annunciato la sua costituzione di parte civile, tra gli altri, anche un cittadino, rappresentato dall’avvocato Maria Teresa Zampogna, che e’ proprietario di un immobile che sorge a ”100 metri” dalla discarica di Chivasso (Torino), una di quelle al centro dell’inchiesta. Un’istanza per chiedere, tra le altre cose, anche i ”danni alla salute”. (ANSA).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.