Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 6 agosto 2013

"Donne di mare" l'ultimo libro della Maffei sarà presentato il 9 agosto

COMUNICATO STAMPA
Il Museo Archeologico Regionale Eoliano “Luigi Bernabò Brea” il giorno 9 agosto alle ore 19.00 presenta il libro di Macrina Marilena Maffei,
Donne di mare. Una storia sommersa dell’arcipelago eoliano (Pungitopo, Messina, 2013)
Pescavano, remavano, navigavano in mare aperto per andare a vendere i loro pesci sulle coste della Sicilia e del continente. E’ il mondo del mare che l’Autrice fa conoscere non come luogo privilegiato del lavoro degli uomini ma declinato al femminile. A raccontarlo sono le donne delle Isole Eolie.
Donne forti, coraggiose, tenaci, dal carattere avventuroso. Donne che da sole o accanto ai loro uomini hanno avuto la capacità di svolgere un mestiere duro e antichissimo: quello della pesca. Il loro operato si pone come fondamento di un’organizzazione familiare e sociale che ha contribuito a sorreggere la comunità insulare dai tempi passati e sino agli anni Cinquanta del Novecento.
Eppure il loro lavoro in mare e per mare è stato sino ad oggi quasi dimenticato. In definitiva ad esse è accaduto ciò che spesso è successo alle donne di tanti altri paesi del mondo: è stato loro negato il diritto alla memoria. Confinate da oltre mezzo secolo nel regno sigillato del silenzio, divenute da allora ‘invisibili’ di fronte alla comunità insulare e siciliana, le femmine marinare fanno ora sentire la loro voce. Una voce che l’Autrice ha raccolto durante i lunghi anni di ricerche etnografiche condotte dall’ Ottanta in poi nelle Isole.
Il libro pubblica le storie di donne che hanno remato di giorno e di notte, che hanno varato le barche, tirato le reti, salpato le nasse e trascinato le barche a secco. Donne che quando hanno pescato di notte, di giorno hanno seminato la terra, raccolto le olive e i capperi. Donne che hanno generato i figli e li hanno allevati. E talvolta a qualcuna di loro é successo di partorirli sulle spiagge, a molte di allattarli sulle barche sballottate dalle onde.
Donne che hanno saputo coniugare insieme mare, terra e famiglia e ci insegnano il valore e la dignità del lavoro. Ne discutono insieme, nella suggestiva cornice della Torre Greca, la giornalista e regista Giovanna Bongiorno, il prof. Piero Craveri (Università Suor Orsola Benincasa di Napoli), il prof. Alberto Siracusano (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), il prof. Sebastiano Tusa, Soprintendente, (Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali del Mare della Regione Siciliana). Introduce e coordina il prof. Umberto Spigo. Interviene la prof.ssa Anna Siracusano. Brani letti da Paola Centurrino.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.