Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 10 agosto 2012

Informazioni di garanzia e professionalità. Pubblichiamo una lettera giunta in redazione

Caro direttore,
come può leggere in calce alla medesima questa è firmata da 4 dei "destinatari" delle  "informazioni di garanzia".
In questo caso ci consenta di dire che c'è stata poca garanzia e molta informazione.
Poca garanzia- poichè non è bello apprendere dalla Gazzetta del Sud di essere destinatari di una  informazione di garanzia. Ancora più grave se l'informazione di garanzia in questione, il giornalista scrive che è stata notificata ai 27 ed invece, nel nostro caso, non corrisponde al vero. Poichè nulla ci è stato notificato in tal  senso.
Ma in Italia... la giustizia va così prima in pasto alla stampa  (in questo caso in  un articolo a firma di tale  Leonardo Orlando, pezzo al quale, giustamente, si sono appoggiati (riportandolo fedelmente) tutti i giornali on line.
Caro direttore, al di là dello sfogo e della  certezza che riusciremo a dimostrare la nostra assoluta innocenza, vogliamo complimentarci con Lei per il modo professionale e da vero professionista qual'è, per la nota che ha voluto aggiungere al pezzo.
Nel dirle grazie vogliamo riproporre tra il virgolettato ciò che Lei, con grande professionalità ha scritto. Uno scritto che vuole essere una risposta a chi oggi, troppo facilmente, ci ha additato tra i ladri e i responsabili delle casse comunali vuote. Noi abbiamo la coscienza a posto..come scrive Lei, sino all'ultimo grado di giudizio nessuno può essere ritenuto colpevole, e ci creda, noi NON LO SIAMO.
Nel ringraziarla ancora per essersi distinto, per lo spazio che ci vorrà dare, non citando i nostri nomi che comunque Lei legge( Le chiediamo di non farlo perchè diventerebbe facile in questo nostro "povero paese" dire: loro si scagionano quindi gli altri sono colpevoli) di ripubblicare  la sua nota  come se fosse la nostra a tutti coloro che oggi hanno gioito e che, domani, quando saremo assolti diranno "Non avevo dubbi sulla tua  innocenza".
Con l'affetto e la stima di sempre
LETTERA FIRMATA
"Nota del direttore- E' ovvio che rientrare tra gli indagati per questa questione, l'emissione dell'informazione di garanzia non significa esssere colpevoli o responsabili di ciò che viene addebitato dalla Procura. Il proseguio delle indagini, la conclusione delle stesse ed eventuali condannne daranno la misura concreta di eventuali responsabilità. L'informazione di garanzia non è sinonimo di colpa ma è, ricordiamolo, a tutela dell'indagato. Noi ci siamo limitati a riprendere un articolo pubblicato oggi sulla carta stampata(vedi inizio articolo) e nel quale risulta precisamente questo passaggio "i 27 indagati noti che già ieri hanno ricevuto le informazioni di garanzia ".
Una sottolineatura questa che ci appare doverosa in quanto nella mattinata abbbiamo ricevuto qualche telefonata da parte ddi qualcuno dei 27 che ci evidenziava di non aver ricevuto alcuna informazione di garanzia. Riportiamo questo per correttezza, convinti come siamo, che il proseguio delle indagini servirà a chiarire molte delle posizioni. La "caccia al disonesto", in questo momento, ci appare più che mai fuori luogo. Primo: perchè fino alla condanna nell'ultimo grado di giudizio nessuno può essere ritenuto colpevole; Secondo: Perchè scorrendo i nomi degli indagati e, conoscendoli tutti personalmente, qualche dubbio ci sorge su un loro effettivo coinvolgimento (Salvatore Sarpi) "

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.