Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 18 luglio 2013

Formazione a Messina. Procura chiede custodia cautelare in carcere per 4 degli indagati

La Procura di Messina ha proposto appello nei confronti del provvedimento del Gip Giovanni De Marco, che aveva rigettato la richiesta custodia cautelare in carcere per quattro degli indagati, concedendo invece solo i domiciliari.La procura ha chiesto anche gli arresti domiciliari, negati dal Gip, per Elena Schirò, cognata del deputato del Pd Francantonio Genovese e moglie del deputato regionale, Franco Rinaldi, e per Salvatore Giuffré. Secondo i pm le condotte reiterate e criminose portate aventi dagli indagati necessitano di una misura cautelare più rigorosa. Il tribunale del riesame deciderà nei prossimi giorni dopo che sarà fissata l’udienza che si svolgerà in contraddittorio.
Nell’inchiesta sono state arrestate ieri dieci persone accusate di aver gonfiato delle fatture per accaparrare i soldi pubblici per i corsi di formazione professionale gestiti dagli enti Aram e Lumen che fanno riferimento alle famiglie Genovese-Rinaldi e Ancol della famiglia Buzzanca.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.