Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 19 luglio 2013

Formazione professionale sequestrati beni per milioni

Beni per diversi milioni di euro sono stati sequestrati, su disposizione del gip di Messina, nell'ambito dell'inchiesta sulla formazione professionale in Sicilia coordinata dal gruppo Criminalità economica della Procura di Messina, diretto dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita. Il provvedimento è stato eseguito dalla Guardia di finanza e riguarda 11 degli indagati, comprese la moglie del parlamentare nazionale del Pd, Francantonio Genovese e quella dell'ex sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca, e quattro società. Sigilli sono stati posti a conti correnti e attività economiche in istituti di credito per complessivi 3,5 milioni di euro. Sequestrati anche due immobili nel centro di Messina, uno dei quali di particolare pregio e grandezza. Il sequestro, secondo quanto si apprende da fonti della Procura, prelude alla confisca dei beni anche se, si sottolinea negli uffici giudiziari, parti delle somme potrebbero essere recuperate e restituite ai corsisti che hanno ricevuto pagamenti inferiori rispetto a quelli previsti dalla legge ma che hanno firmato una liberatoria per l'intero importo. Gli investigatori auspicano che i corsisti che abbiano subito questa irregolarità la denuncino alla Guardia di finanza o alla sezione di Polizia giudiziaria della Polizia dello Stato. (ANSA).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.