Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 26 luglio 2010

"Sapore alle vivande con l'erbetta attaccata ai sassi". Il dott. Iacoliono scrive a Lino Natoli

Caro Lino,
che nei periodi tristi in cui la fame stringeva quotidianamente lo stomaco della stragrande maggioranza della gente, sino agli anni cinquanta ,per intenderci, era uso e necessita' dare sapore alla vivanda, non col pesce, ma con l'erbetta attaccata ai sassi appena affioranti e' risaputo da chi ha qualche anno più di te.
Tanti anziani me lo hanno spesso raccontato e TURI ALIVU mi diceva di come fosse difficile per tanti comprare il pesce che spesso restava invenduto nelle ceste dei pescatori.
Solo i più' facoltosi potevano permettersi l'acquisto del pesce; chi poteva lo barattava con i prodotti della terra, mentre molti erano costretti a rosicchiare le pietre affioranti dal mare.....
Gianni Iacolino