Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 27 marzo 2010

Tirrenia. Per lo Stato due obblighi: continuità territoriale con le isole e salvaguardare l'occupazione

Comunicato
Le dichiarazioni rese dal Ministro Matteoli confermano le nostre preoccupazioni sui livelli occupazionali e reddituali, così come nel tempo abbiamo già manifestato.
Condividiamo la procedura seguita dal Governo in merito e nessuno può ipotizzare ad una forma di privatizzazione che assuma i contorni di una , procedendo per singole linee.
Lo Stato ha due obblighi :
1° - la certezza della continuità territoriale con le isole;
2° - non fare esplodere delle sociali mettendo a rischio l’occupazione dei lavoratori del Gruppo Tirrenia di Navigazione.
Liberalizzare per singola linea costituirebbe un maggiore costo per la collettività poiché i privati, certamente, si accaparrerebbero quelle a rendimento lasciando al loro destino, ovvero allo Stato che deve garantire la continuità territoriale, le tratte a carattere sociale e che non saranno mai a pareggio di bilancio.
Sarebbe ottimale seguire l’esempio della Scozia per i collegamenti con le proprie isole minori che da tempo ha proceduto nella privatizzazione senza ricorrere alla frammentazione per singole linee.
E’ opportuno un tempestivo confronto con le parti per definire preventivamente le clausole sociali a tutela dell’occupazione e dei collegamenti marittimi.
Invitiamo, pertanto, il Ministro a volere finalmente aprire il più volte richiesto tavolo di concertazione anche con noi USCLAC UNCDiM e le altre OO.SS.USCLAC/UNCDIM
Il Presidente(A. Nobile)