Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 ottobre 2012

SICILIA: GIUNTA IMPUGNA LEGGE SOPPRESSIONE TRIBUNALI


La giunta regionale di governo ha deliberato di ricorrere innanzi la Corte Costituzionale contro la soppressione dei tribunali cosiddetti "minori" in forza del principio della "perequazione infrastrutturale" sollevando conflitto di attribuzione ed eccependo motivi di incostituzionalita' della norma.
In particolare la giunta regionale siciliana propone impugnativa riguardo l'art. 1 del decreto legislativo 155 del 7 settembre 2012 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 12 settembre 20120. Tale articolo presenta profili di illeggittimita' in quanto varato senza alcun concerto con la Regione siciliana e dunque in violazione dell'art. 23 dello Statuto autonomistico in forza del quale la Regione vanta una specifica prerogativa in ordine ai presidi giudiziari ricadenti sul suo territorio. Il confronto sulla materia era stato, peraltro, sollecitato dal presidente della Regione con una apposita nota, inviata nel febbraio scorso, al ministro di Grazia e Giustizia.
Oltre alla violazione delle prerogative statutarie la giunta eccepisce che la norma e' stata emanata in attuazione della delega conferita con l'art.1 comma 2 legge 148/2011, legge di conversione del decreto 138/2011 recante "misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo". Cio' rende la legge impugnata palesemente incostituzionale perche' inserita in una legge di conversione di un decreto riguardante materia del tutto diversa e dunque in violazione dell'art. 77 comma 2 della Costituzione Italiana.
Infine il medesimo art. 1 del d.l. 155/2012 e' incostituzionale anche perche' non rispetta i criteri tassativamente indicati nella legge delega, che prevede come prioritaria linea d'intervento nell'attuazione della riorganizzazione giudiziaria (art.2 lett E), il riequilibrio delle attuali competenze demografiche e funzionali tra uffici limitrofi, caratterizzati da rilevanti differenze di dimensioni, riequilibrio che non risulta effettuato in Sicilia cosi' come non risultano verifiche di fattibilita'.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.