Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 6 agosto 2009

Il "percorso infernale" di Lipari Centro (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) Torniamo a parlare del percorso infernale Viale Mons. Re, Via Umberto I, Via Garibaldi, Piazza Mazzini e ritorno. Questa volta non di notte dove il caos nella Lipari di quasi ferragosto può essere messo in conto, in qualche modo scusato. Questa volta parliamo del caos in pieno giorno : alle ore 11,30 di mercoledì. Le cause: un semaforo che ormai non funziona più ed invece di operare sincronicamente in modo alternato opera sincronicamente ma in modo uniforme e cioè quando scatta il verde a Piazza Mazzini, scatta il verde anche in viale Mons. Re e quindi le macchine non possono non incontrarsi e siccome gli spazi si sono ristretti bisogna che qualcuno decida di fare marcia in dietro per decine e decine di metri. Come mai la strada è divenuta così stretta? perché lungo le vie Umberto I e qualche volta anche in via Garibaldi le macchine parcheggiano tranquillamente. In via Garibaldi per di più oltre alle macchine parcheggiate ci sono anche le piante disposte sui marciapiedi per non far parcheggiare le macchine. Queste macchine parcheggiate lungo il “percorso infernale” sono una iattura anche per un altro motivo: quando si rimettono in movimento non possono sapere quale sia la condizione dei semafori e quindi azzardano.
Che cosa si può fare? Diverse cose a cominciare dall’acquisto urgente di un nuovo e più moderno impianto semaforico visto che il Sindaco ha annunciato che in questo momento il Comune si trova in un momento di grazia finanziaria perché hanno liquidato le somme del ticket. Ma si potrebbe anche attivare – almeno fino alle 14 come era negli anni passati - il circuito che include via XXIV Maggio ed una parte di Corso Vittorio Emanuele evitamdo così per queste ore cruciali di ricorrere ai semafori. Il sacrificio di un pezzetto di isola pedonale verrà ricompensata dalla riduzione del caos in pieno centro storico dovuta a macchine che si fronteggiano, strombazzano, autisti che gridano e cittadini spaventati perché presi in mezzo alla macchine.
Infine, lo ripetiamo: bisogna assolutamente vietare che le macchine parcheggino in via Umberto I ed in Via Garibaldi. Questo è difficile controllarlo di sera e di notte, ma di giorno sarebbe possibile. Che ci fanno due vigili piazzati al Pozzo o nella piazzetta di padre Pio? Non possono farsi un passeggiata in via Umberto I e verificare la situazione?
Data notizia 06/08/09 a cura di Salvatore Sarpi