Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 1 ottobre 2010

Cinque terre e Parco. "Senza parole" La "Voce eoliana" ci invia un articolo di Repubblica

Riceviamo e pubblichiamo:
Gentile Direttore
Postiamo un articolo di Repubblica e per correttezza inseriamo anche il link dal quale è tratto http://www.blogger.com/goog_843666103
Cinque Terre, prime confessioni Commissariato il Parco
Un'impiegata comunale pentita parla delle pratiche illegali e spiega: "Così da anni. Per il presidente mi sarei gettata nel fuoco"."Bonanini ci ordinava di falsificare le carte"
dal nostro inviato MASSIMO CALANDRI
LA SPEZIA - "Per Bonanini mi sarei gettata nel fuoco. Era il padrone", racconta in lacrime l'impiegata del Comune. "Io? Un fantoccio. Uno messo su quella poltrona solo per dire di sì. Comandava lui. E basta", mormora il sindaco di Riomaggiore, gli occhi bassi per la vergogna. Interrogati ieri, Francesca Truffello e Gianluca Pasini hanno confessato.
Gli è bastato riascoltare le chiacchierate intercettate negli ultimi mesi dalla polizia, per ammettere tutto. Liberandosi finalmente di un peso portato troppo a lungo: "Erano anni che andava avanti questa storia". Franco Bonanini, ex presidente del Parco delle Cinque Terre, l'ambientalista che ha fatto conoscere al mondo uno degli ultimi paradisi italiani, avrebbe ordinato di taroccare decine, forse centinaia di pratiche edilizie nella zona da lui amministrata. Documenti falsificati per intascare i finanziamenti europei o più semplicemente per nascondere piccoli abusi familiari, o ancora per gestire meglio il potere e i piccoli ma delicati equilibri politici nel borgo fatato della Riviera. Tra le tante pratiche farlocche c'è anche un protocollo relativo ad alcuni lavori nella cantina di Marina di Riomaggiore riconducibile a Concetta Gasparini, moglie del Faraone, anche lei indagata. Una finestra aperta in cantina. Ma con la licenza scaduta. Francesca, l'impiegata pentita, ha raccontato di aver utilizzato come tante altre volte uno degli atti pubblici che venivano custoditi negli archivi del Comune proprio per aggiustare le pratiche del padre-padrone. Un foglio numerato a matita e con una sorta di formuletta di rito ("centro meteo"), in alto a sinistra. Un po' di gomma per cancellare le cifre. Poi una retrodatazione, e via: l'abuso della moglie del presidente era stato condonato all'istante.
Nel tardo pomeriggio di ieri un'altra impiegata, Roberta Pecunia, ha ribadito le accuse nei confronti di Franco Bonanini. Tre ore di interrogatorio per ammette i falsi perpetrati da tempo dalla cricca. Che arrivava a minacciare quelli che non volevano accettare le "direttive" piovute dall'alto. Stamani un'équipe medica visiterà Franco Bonanini nell'infermeria del carcere di Pisa, dove è detenuto dall'alba di martedì. Cinquantotto anni, un trapianto di fegato, immunodepresso. Dice il suo avvocato, Marco Corini, che l'altra notte ha dovuto litigare con i responsabili della prigione per fargli avere le medicine. Sta male, giura, e le condizioni stanno peggiorando. Dategli almeno gli arresti domiciliari nella casa di Riomaggiore. Domani mattina il gip Diana Brusacà vuole andare a trovarlo in carcere per l'interrogatorio di garanzia. Ma il Faraone ha già fatto sapere che non aprirà bocca davanti al giudice: è troppo stanco e malato, non ha ancora avuto la possibilità di leggere le 890 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare. Se parlerà, sarà solo quando riuscirà a riprendersi.
Stefania Prestigiacomo, ministro dell'Ambiente, ha intanto ricevuto la lettera di dimissioni di Bonanini, che le scrive di voler dedicare quel che gli resta da vivere a dimostrare la propria innocenza. Ne ha preso atto, ancora stupita per la piega degli ultimi eventi: "Il Parco delle Cinque Terre è sempre stato un modello e il presidente Bonanini ha fatto di quel parco la battaglia di una vita. Spero si possa dimostrare infondatezza delle accusa: ho avuto moto di conoscere Bonanini come una persona corretta". Il ministro dice che ci vuole cautela. Però nel frattempo ha commissariato il Parco, nominando al vertice Aldo Cosentino, direttore generale del ministero.
Ieri sono state interrogate quattro delle persone arrestate. Alexio Azzaro, braccio destro dell'ex presidente che al momento dell'arresto aveva rilasciato delle dichiarazioni spontanee ("Voglio spiegare tutto, obbedivo a Bonanini"), ha fatto marcia indietro. Scena muta sulle precise contestazioni. Gianluca Pasini ha invece ammesso di aver partecipato ai falsi per i finanziamenti nel mirino: "Comandava Bonanini, io non controllavo nulla. Mi dicevano di firmare, io obbedivo". Il prefetto spezzino, Giuseppe Forlani, lo ha sospeso dalla carica di sindaco. Francesca Truffello ha confessato: "Bonanini mi aveva chiesto di continuare nei falsi anche dopo le perquisizioni in Comune, ma io mi sono rifiutata. In precedenza ho sbagliato, mi dispiace. Ma per quell'uomo io mi sarei gettata nel fuoco".
Articolo di REPUBBLICA – GENOVA (01 ottobre 2010)