Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 1 ottobre 2009

I farisei di ieri e di oggi e l'impegno televisivo (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) E’ vero che oggi il senso della politica, della vita civica, della democrazia è fortemente in crisi. Se non si avverte a livello nazionale da parte del Capo del governo che strumentalizza i morti in Afganistan per attaccare ingiustamente l’opposizione, perché allora un Sindaco dovrebbe essere da meno?
Tutti quelli che lo criticano non hanno dignità e non meritano rispetto, come ha evidenziato ieri in coda ad una intervista. Non comprende che possa esserci un impegno di giornalismo che nasce dalla passione civile, che ci possa essere gente autonoma che risponde solo a sé stessa, che non ha padroni. Abituato a servire ed a non fare mai niente per niente, come fa a capire un mondo ed un modo di vivere che gli è così distante? Diceva Sant’Agostino “Ai puri tutto è puro” ed adombrava così il rovescio che invece per gli impuri tutto è impuro.
Ma a dispetto dei sordi e di quelli che non vogliono sentire ripetiamo alcune cose:
1. Ho accettato questo impegno per garantire che nelle Eolie ci sia ancora una informazione libera che è alla base di una coscienza civica. Garantirla soprattutto a quanti non hanno dimestichezza con i computer e non riescono a seguire i blog che svolgono ormai un puntuale e preciso lavoro di informazione. E purtroppo quelli che non navigano in internet sono ancora tanti, a mio avviso la maggioranza della popolazione eoliana.
2. La democrazia non è problema solo elettorale e finalizzato al risultato elettorale per cui raggiunto il risultato ci si rivede fra cinque anni. Democrazia è esperienza di tutti i giorni. Di ascolto e confronto quotidiano con la gente. Democrazia è innanzitutto partecipazione. Non capire questo vuol dire non capire niente della democrazia e coltivare una coscienza autoritaria, magari inconsapevolmente,.
3. Non siamo pregiudizialmente contro nessuno ma è chiaro che c’è un dovere di verifica critica che investe soprattutto chi governa. Poi, purtroppo, da noi i motivi non mancano (lavori pubblici, acqua, spazzatura, ecc.) e quando questi scarseggiano intervengono subito membri dell’Amministrazione ad alimentarli con dichiarazioni che sono dei veri e propri autogol .
4. L’autonomia di questo direttore e della redazione che dirige dall’editore non solo è massima ma proprio questa esperienza è nata con l’obiettivo di rendere la gestione indipendente dalla proprietà sulla base di un protocollo di intesa. Su questo si sta lavorando e si spera di ottenere un risultato positivo nella misura in cui c’è gente che decide di impegnarsi per la libertà di informazione, da qualunque parte sia schierata politicamente.
5. Non credo che sia il dott. Bruno in grado di dare lezioni di coerenza ma non voglio entrare in questo termitaio. Ognuno risponde della propria coerenza con la propria vita ed i propri comportamenti che sono più importanti delle persone con cui occasionalmente ci si accompagna.
A Gesù i farisei gli rimproveravano di frequentare i pubblicani e le prostitute. I farisei di ieri, quelli di oggi – si vede – che sono diventati più raffinati.
Michele Giacomantonio