Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 9 giugno 2012

Tagli sui collegamenti, protesta nelle Eolie. Il pezzo della Gazzetta del Sud a firma di S. Sarpi

Salvatore Sarpi
lipari
La Federalberghi delle Eolie non ci sta a contare su collegamenti marittimi non certi e, in sede di direttivo, ha deliberato lo stato di protesta.
«Se non avremo chiarezza e certezze quanto prima – ha dichiarato il presidente Christian Del Bono – ad ottobre restituiremo le nostre licenze. Per noi i collegamenti marittimi non sono un optional; costituiscono un presupposto integrante della nostra vita quotidiana e della nostra offerta turistica. Basta con i rimpalli da un assessorato all'altro, passando per la presidenza della Regione e le varie commissioni dell'ARS che, nell'ultimo anno, hanno soltanto palesato l'incapacità politica di concertare una razionalizzazione dei servizi di collegamento». Federalberghi Eolie sostiene che «un conto è ottimizzare il budget disponibile, nella convinzione che si possano migliorare i collegamenti in essere. Un altro è operare dei tagli lineari che stanno penalizzano e rischiano di mettere in ginocchio l'economia delle piccole isole. La Regione concentri la propria attenzione su voci di bilancio improduttive che rappresentano spese realmente insostenibili per la collettività ed eviti di trascinare le isole minori fuori mercato. Siamo convinti che la commissione bilancio, stimolata dalle varie deputazioni regionali che amano definirsi amici delle piccole isole, se lo vorrà saprà rintracciare nei meandri del bilancio regionale i fondi necessari a onorare gli impegni assunti. Probabilmente – conclude Del Bono – a qualcuno sfugge che le isole minori, nel loro insieme, rappresentano il principale polo per il turismo dell'intera regione, al cui PIL contribuiscono in modo decisamente più consistente di quanto le statistiche ufficiali non dimostrino.
La rapidità, infine, con la quale negli ultimi anni si sono succeduti i vari assessori ai trasporti sono l'ennesimo indicatore di precarietà e della scarsa attenzione politica riservata al comparto dei trasporti nella nostra regione». Intanto fervono le iniziative. Per il 10 Giugno dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 20 è prevista, organizzata dal "Vento Eoliano" una protesta che si effettuerà presso il porto di Sottomonastero. Lì – dichiara il neo consigliere Anna Rita Gugliotta – sosteremo in modo pacifico esponendo cartelli di protesta contro le inique ed ingiuste misure». Continua inoltre la raccolta di firme per l'adesione alla diffida da inoltrare alla Regione Siciliana e alla Provincia contro il taglio dei trasporti per le isole Eolie. «Oggi e domani – riferisce l'avv. Antonio Cardile Presidente Provinciale del Codacons – saremo nuovamente presenti al porto di Lipari, unitamente all'Unione Nazionale Consumatori e all'albergatrice Silvia Carbone, per la raccolta delle firme di adesione alla diffida preliminare per l'esercizio della class action».

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.