Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 2 marzo 2013

Il Movimento 5stelle segnala: "Il Tribunale di Pozzuoli contro il novello “redditometro”.

I giudici campani chiamati in causa da un contribuente infastidito dal numero e dalla varietà delle informazioni richieste con il nuovo strumento accertativo (oltre cento voci di spesa!), hanno infatti riconosciuto che quest’ultimo può tradursi in una vera e propria invasione della sfera privata, perché consente almeno potenzialmente all’Agenzia delle Entrate di venire a conoscenza di singoli aspetti della vita quotidiana dei contribuenti ledendo sia la riservatezza, che la stessa libertà individuale e di autodeterminazione della persona.
Inoltre, così come è strutturato, il nuovo redditometro non permetterebbe neppure una adeguata ed efficace difesa da parte degli “inquisiti” dato che, come è intuibile, la varietà (oltre al numero) delle voci di spesa che vi partecipano è tanta e tale che pur ipotizzando per assurdo che sia conservata con pazienza certosina la documentazione di tutte le
spese sostenute, anche le più minute e quotidiane, non si raggiungerebbe mai, verosimilmente, la piena prova che non sia stata sostenuta altra spesa al di fuori di quelle documentate.
Pertanto i magistrati hanno inibito all’Agenzia delle Entrate di controllare, analizzare e archiviare le spese di quel contribuente, e anche di cessare - se iniziata - ogni attività di accesso, analisi o raccolta di dati e, infine, di distruggere tutti gli archivi eventualmente già formati riguardanti il medesimo ricorrente.
E' senz'altro una decisione che crea in questo momento un grande dibattito...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.