Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 18 marzo 2010

Ex Pumex sulla Gazzetta del sud di oggi

Fiducia a Leanza, gli ex lavoratori Pumex sospendono lo sciopero della fame
Lunedì due funzionari di "Italia Lavoro" sbarcheranno sull'isola per l'analisi delle posizioni
Salvatore Sarpi
Lipari

Gli ex lavoratori della Pumex dal tardo pomeriggio di ieri hanno sospeso lo sciopero della fame in segno di fiducia verso l'assessore regionale al Lavoro Lino Leanza a risolvere una volta per tutte la delicata problematica, esplosa dopo la chiusura della cava Pumex di Porticello, in ottemperanza alle indicazioni dell'Unesco e per consentire alle Eolie il mantenimento del titolo di "Patrimonio dell'Umanità".
Un calvario che si protrae da tre anni per decine di padri di famiglia che hanno perso un lavoro certo sul tavolo di un titolo prestigioso e non certo per una crisi aziendale. «Gli ex lavoratori della Pumex – così come si legge in un comunicato stampa diffuso subito dopo la conclusione della riunione palermitana – interrompono lo sciopero della fame (in corso da dieci giorni) ma, al tempo stesso, mantengono alta la guardia e continuano nell'occupazione della stanza del sindaco Mariano Bruno e nel "blocco" delle sedute dei consigli comunali, nei giorni delle loro convocazioni».
Insomma una specie di "fiducia condizionata" che è contemporaneamente il frutto di tante "illusioni" del passato e dell'incontro tenutosi a Palermo e al quale hanno preso parte, oltre all'assessore al Lavoro Lino Leanza e alcuni deputati regionali, gli esponenti dei vertici regionali e provinciali del sindacato dei lavoratori, il sindaco di Lipari Mariano Bruno, una delegazione di ex Pumex e di rappresentanti del consiglio comunale liparese. L'assessore Leanza ha chiaramente lasciato intendere che intende risolvere in via definitiva la situazione che riguarda in atto 38 ex Pumex. La strada che si intende percorrere è quella del passaggio nell'ambito dei beni culturali (museo, aree archeologiche) o, in alternativa, il loro utilizzo all'interno di società "in house" che dovrebbero gestire alcuni importanti servizi comunali. Il primo passo sarà compiuto lunedì prossimo quando sbarcheranno a Lipari due funzionari di "Italia lavoro" per effettuare una ricognizione sia sulla posizione degli ex Pumex prossimi al pensionamento che su quelli da ricollocare. Dopo questa ricognizione e il punto della situazione che sarà fatto con l'assessore Leanza vi è l'impegno di convocare un incontro presso l'assessorato regionale ai Beni Culturali per addivenire ad un piano, il più celere possibile, per consentire il reintegro, a pieno titolo, di questi eoliani nel campo del lavoro. «Mi sono rivolto al senso responsabilità di tutti – ha detto Leanza – e sono contento che i lavoratori abbiano accolto il mio appello. Ho spiegato che non vogliamo creare illusioni e che da parte del Governo regionale c'è il massimo impegno per risolvere la loro vicenda». I funzionari di Italia Lavoro – come detto – saranno a Lipari per un'analisi della posizione di ciascun lavoratore. «La verifica - ha continuato l'assessore - servirà per avere un quadro completo e dettagliato della situazione di ogni operaio. E per la prossima settimana ho chiesto di concordare una riunione con gli assessori per i Beni culturali, per il Territorio e per le Autonomie locali».
Gli ex Pumex, in una nota facente seguito alle dichiarazioni del presidente-liquidatore della Pumex, Enzo D'Ambra di essere disposto alla loro riassunzione nel contesto del presentato piano di messa in sicurezza della cava, hanno evidenziato come a tutt'oggi sono in attesa della liquidazione da parte dell'imprenditore stesso del trattamento di fine rapporto (TFR) e come ciò, unitamente alla perdita del posto di lavoro, abbia creato loro non poche difficoltà. «Alla luce di ciò – hanno evidenziato – non riusciamo a capire e comprendere come il dottore D'Ambra, rimasto sinora in silenzio nei nostri confronti e sordo alle nostre problematiche, torni a farsi sentire e a proporre soluzioni che vedono direttamente coinvolte le nostre persone».
L'incontro di ieri a Palermo arriva all'indomani dell'ordine del giorno all'Ars, presentato dai deputati regionali del Pd, Franco Rinaldi (primo firmatario), Giuseppe Lupo, Giuseppe Laccoto, Giuseppe Picciolo, Filippo Panarello. «Questo immobilismo deve cessare – hanno detto il segretario regionale Giuseppe Lupo e il parlamentare messinese Francantonio Genovese – le istituzioni devono iniziare a dare risposte concrete senza fare finta che la vertenza della Pumex non si sia già trasformata in un dramma sociale che mortifica decina di famiglie».
Duro anche il commento del senatore messinese Gianpiero D'Alia: «È un momento drammatico nel quale è necessario un concreto intervento del governo regionale e nazionale».