Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 8 giugno 2010

Topi/Ratti sulla via Garibaldi. La famiglia è cresciuta

Il 15 Aprile sul nostro giornale titolavamo "Via Garibaldi a Lipari. Topi come gatti. Un nostro lettore "cattura" uno "stupendo" esemplare". All'articolo era allegata la foto che riproponiamo. In quell'occasione, unitamente al lettore, avevamo fatto voti affinchè si intervenisse per tempo.
Ebbene l'intervento non c'è stato e quanto temuto si è verificato. Come ci segnala un nostro lettore-collaboratore sulla via Garibaldi è praticamente invasione. Da una casa disabitata, ci è stato detto da quella abitata sino a tempo fa dalla signora D.O., entrano ed escono una infinità di queste bestie. Più ratti che topi senbrerebbe dalle descrizioni.
Il rischio igienico-sanitario è evidente, così come il rischio per la pubblica incolumità. Tra l'altro, in zona, vivono diversi bambini in tenera età.
Considerando il vero e proprio "stato di emergenza" la "tiritera" dell'assenza di fondi, che sarebbe stata evidenziata ai cittadini che hanno chiesto la derattizzazione, ci sembra possa e debba essere superata, magari con un provvedimento straordinario.