Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 13 novembre 2012

Etna, eruzioni in arrivo?

A differenza del Vesuvio, l’Etna non è un vulcano esplosivo. Ciò nonostante, non ci si può permettere di restare tranquilli. La natura è imprevedibile. Si sa. La sua  pericolosità per un’eventuale eruzione non è scongiurata. E potrebbe recare danni incalcolabili soprattutto se le bocche si aprissero sul versante in cui sono situati i centri più densamente abitati.

Un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha pensato di accertarsi sulla probabilità che qualche bocca possa aprirsi in un determinato punto. Ha quindi realizzato una mappa di suscettività vulcanica e ha indicato la probabilità dell’apertura di nuove bocche eruttive laterali, le più pericolose per i centri abitati.

Ha studiato le fessure verificatesi nell’arco degli ultimi 2000 anni, le faglie, da cui può fuoriuscire lava, i dicchi, che è lava divenuta roccia, per poter comprendere come accade lo spostamento del magma dalla profondità verso la superficie e dalla conduttura centrale verso le bocche laterali.

La più alta probabilità dell’apertura di nuove bocche eruttive laterali è stata individuata lungo le fratture indirizzate verso nord-sud, a circa 2000 m sul livello del mare, che passano per il cratere posto sulla sommità. Ma altrettante elevate probabilità di apertura di nuove bocche eruttive sono state sottolineate con direzione nord-est, est-nord-est, sui 400 metri sul livello del mare. Zone più sicure sono ritenute l’area superiore dell’Etna, con la parte occidentale della faglia Pernicana e la parte nord della faglia Ragalna.

E’ auspicabile che le autorità preposte alla pianificazione del territorio prendano in giusta considerazione questa mappa per prevenire distruzione e morte, conseguenza sicura di eventuali eruzioni. Prima che sia troppo tardi.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.