Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 17 novembre 2012

Pavone:"Ignoranza, arroganza o prevaricazione?"

Con la giornata di sciopero  si ripristina nelle scuole  il rito dell’invito a  preavvisare l’adesione allo sciopero, l’obbligo di avvertire nella giornata dello stesso della decisione assunta entro le ore 07:30 del mattino e soprattutto l’obbligo di presentarsi in servizio dall’orario di servizio prefissato nella giornata.
Facciamo l’elenco delle cose che non vanno.
Primo – Lo sciopero è un diritto sancito dalla Costituzione; una volta proclamato dalle OO.SS. a livello centrale e periferico il lavoratore non ha alcun obbligo di preavvertire nessuno: né dirigente scolastico, né lascuola, né le famiglie degli alunni. Semmai l’obbligo di informare l’utenza di un possibile disservizio che si può verificare nella giornata di che trattasi, compete all’Istituzione scolastica.
Secondo – Proprio perché sciopero, e non assemblea, il lavoratore non ha alcun obbligo di sottoscrivere per adesione preventiva foglietti emessi dalla presidenza, che tanti  collaboratori fanno girare in sala dei professori e-o nelle classi.
Terzo – Non è affatto vero che nella giornata di sciopero il lavoratore
debba preavvertire la scuola delle sue intenzioni; se all’orario d’ingresso rispetto alle sue ore di attività previste dal quadro orario non è presente e non ha fatto sapere preventivamente di essere assente e-o impedito per altra fattispecie, va considerato in sciopero.
Quarto – Non è affatto vero che nella giornata di sciopero tutti i docenti in servizio, a prescindere del loro orario di attività didattica della giornata, debbano presentarsi all’inizio delle lezioni a scuola erestare colà a disposizione; fino a quando, non è dato sapere!
Quinto – Se il docente, a seguito di formale precettazione (perché di questo si tratta!) ha l’onere di essere presente a scuola fin dall’inizio delle attività didattiche è scontato che allo scadere delle sue ore di lezioni fissate nella giornata, svolte o meno che siano,deve andare via, altrimenti il dirigente scolastico deve pagargli lo straordinario fatto. E siccome l’atto precettivo è illegittimo,dovrebbe pagare quelle ore con i soldini suoi!

Ma di tutto questo, come detto sopra, non ne parla nessuno, forse perché in questo clima mefitico che vive oggi il mondo della scuola, dopo tutto, una robetta tanto misera  non merita molta attenzione.
Cordialmente. 
Prof. Bartolo Pavone

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.