Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 27 novembre 2012

"Pausa Caffè" : Tares e smaltimento rifiuti (di Daniele Corrieri)


A proposito di Tares che sostituisce la Tarsu (T-A1 – T A 2) la Tares entra in vigore dal primo gennaio 2013, a oggi non vi è nessuna proroga, pertanto tutti i Comuni che non hanno regolamentato le nuove disposizione di legge Proposte di modifica all’art. 14 D.L. 6-12-2011 n. 201, disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), non possono emetter fatture o bollette ai cittadini di regime tariffario e/o tributario. O i Comuni si adeguano o non incassano. Un mese fa lanciai l’allarme ma a Lipari lo hanno colto?
A proposito: i sistemi informatici di calcolo Tares e bollettazione costano all’incirca per il ns Comune € 6.000 questo come programma base!
Il calcolo Tares riprende l’articolo DPR 158/99, che prevede metodo normalizzato ovvero si applicano aliquote fisse sull/80% della superficie catastale, per il resto vengono indicati il nucleo familiare e per questa accoppiata si dà una categoria di appartenenza. Sulla categoria si applicano degli indici di produttività da un minimo e un massimo su base Regione di appartenenza. Poi spetta al Comune applicare l’indice.
Sempre dal primo gennaio 2013 avremo il problema della spazzatura essendo che: la proroga scade al 31-12-2012, la Srr ancora non si è costituita e non si può costituire ancora prima dell’approvazione del Bilancio. La Regione ancora deve pagare i servizi a tutt’oggi del 2012 (sembrerebbe che tra due tre giorni paghi), la stessa ancora non ha impegnato somme per il 2013. Quindi da gennaio considerando che i pagamenti devono essere fatti dalla pubblica amministrazione e gli stessi non devono superare i 60 gg data fattura come faranno a reperire le somme? Non è che ci troveremo con un aumento Tarsu? Oppure cosa può succedere per evitare il caos? Io sono incompetente in materia e giro la domanda agli addetti ai lavori. Mi raccomando non facciamo che da gennaio siamo pieni di monnezza nell’isola. Ovviamente e per chiarezza d’informazione non è solo un problema della nostra isola ma di tutte le isole minori della Sicilia.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.